Finisce la Serie A: i verdetti del campionato minato dal Covid-19

Pubblicato il autore: Daniele Conti Segui


Dopo un mese e mezzo di full-immersion, il campionato di Serie A è giunto ufficialmente al termine. Nella giornata odierna si è concluso il 38o e ultimo turno, coi verdetti che erano già stati quasi tutti scritti. La Juventus si porta a casa lo Scudetto numero numero 36, il primo di Sarri che lo aveva sfiorato col Napoli proprio in un testa a testa contro i bianconeri.

La bellissima lotta per il titolo

Gli amanti del calcio nostrano quest’anno non si sono potuti davvero lamentare per lo spettacolo. La massima manifestazione italiana ha visto una lotta serrata per il vertice per gran parte del suo corso, con la Juve che ha preso il largo solo dopo il re-start estivo. Prima la Lazio, che ha infiammato i sogni dei suoi tifosi in primavera, poi Inter ed Atalanta, che hanno fatto spaventare i torinesi con una gran rimonta nel finale, hanno tenuto sempre viva la competizione. La classifica finale dice che Ronaldo e soci si sono affermati con un solo punto sui nerazzurri e cinque sulla coppa formata da Dea ed Aquile.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Sassuolo Napoli: diretta tv e streaming Sky o Dazn?

Roma, Napoli e Milan: 3 big in Europa League

Entusiasmante è stata anche la corsa per l’Europa League che, quest’anno più che mai, necessitava di un piazzamento sicuro per evitare lo spauracchio dei turni preliminari. Visto che il Napoli ha vinto la Coppa Italia, guadagnandosi il diritto di partecipare ai gironi della seconda competizione continentale, l’altro posto è stato conteso da giallorossi e rossoneri. Entrambe le squadre hanno ottenuto dei risultati brillanti dalla ripresa, risultando le due squadre a fare più punti. A Fonseca è quindi bastato tenere il vantaggio accumulato prima dello stop, costringendo i milanesi ad un tour de force estivo fatto da 4 gare ufficiali in più.

Il Lecce si aggiunge alle retrocesse Spal e Brescia

Se le compagini biancazzurre di Brescia e Ferrara erano quasi già condannate prima della ripartenza del campionato. La lotta per salvarsi evitando il terz’ultimo posto è stata ben più spinosa. Alla fine a godere di un anno in più nel massimo campionato sarà il Genoa che ha beneficiato al meglio del cambio di guida tecnica nel momento cruciale della stagione. Retrocede un generoso Lecce che, tra i tanti risultati negativi finali, si è preso la briga di battere la Lazio, fungendo quasi da ago della bilancia anche nella lotta per il titolo.

  •   
  •  
  •  
  •