Atalanta, comincia la stagione 2020-21. Tre punti per ripartire al meglio

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


La stagione 2020-21 dell’Atalanta è ufficialmente cominciata: dopo aver ricaricato le batterie finalmente si ritorna al Centro Bortolotti di Zingonia per l’inizio del mini ritiro estivo che aprirà il campionato di Serie A. C’è grande ottimismo in quel di Bergamo, soprattutto dopo la spumeggiante ripresa estiva, e la voglia di ripetere (e magari migliorare) ciò che è stato fatto è tanta: non è certamente una novità per gli uomini di Gian Piero Gasperini, sempre abituati ad avere molta fame quando si tratta di vincere. Tante certezze nerazzurre, ma ecco tre punti su cui fare affidamento per ripartire più forti di prima.

1) Terza forza della Serie A (con tanto di statistiche da “Dea”) – Ovviamente come base si può certamente citare l’ultimo piazzamento dell’Atalanta: un terzo posto che è diventata una certezza visto che è stato conquistato per il secondo anno di fila. I nerazzurri sono una big del calcio italiano e non conoscono la parola “impossibile”: ottimo aspetto per confermarsi tale anche in futuro. Statisticamente, bisogna contare anche i numeri, che l’Atalanta avrà voglia di riproporre in larga scala.

2) Mister e squadra con la stessa ambizione – Gasperini non cambia mai di una virgola: si lotta in campo per vincere. Concetto che ormai è stato assorbito da Papu Gomez e compagni, nella quale il successo deve diventare una vera e propria abitudine (sia in campionato che in Champions League).

3) Società seria, passionale e concentrata (e non solo sul mercato) – Ultimo punto, ma non certamente meno importante, la società: dalla famiglia Percassi al lavoro di Giovanni Sartori sul mercato fino ai cantieri in quel del Gewiss Stadium capitanati da Roberto Spagnolo. Mettendo insieme questi componenti, viene fuori la struttura dell’Atalanta Bergamasca Calcio: dura, consolidata, ambiziosa ma con i piedi ben piantati per terra.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: