Fiorentina: inizio morbido ma prima insidia fuori casa

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

Il 2 settembre si è deciso il calendario per la serie A 2020-21: un campionato (si spera l’unico e ultimo) che inizierà senza pubblico a causa della pandemia in corso. La Fiorentina, come molte altre compagini, è ancora un cantiere, anche se l’inizio del campionato non è lontanissimo,visto che mancano poco più di due settimane al debutto. Come per la scorsa stagione, anche in questa si inizia in casa, anche se l’assenza di tifosi di fatto annulla il vantaggio provocato dal fattore campo. Nella stagione 2018-19 la Fiorentina doveva iniziare a Genova, sponda blucerchiata, ma la gara venne posticipata. I viola iniziarono così in casa con il Chievo, vincendo per 3-1. Nella stagione 2017-18, i viola affrontarono l’Inter a San Siro perdendo nettamente per 3-0: era la Fiorentina di Pioli che poi avrebbe trovato il proprio assetto. Tornando al presente, è proprio la squadra di Iachini a inaugurare la stagione, visto che la gara con il Torino sarà la prima: alle ore 18 di sabato 19 settembre. Anche la squadra granata è un cantiere, ma la sfida non sarà affatto da sottovalutare. Si parlava di Inter: alla seconda si va a casa dei nerazzurri, che hanno fame di vittorie e che godranno del vantaggio di iniziare in casa di una neopromossa, in questo caso il Benevento. Alla terza arriva al Franchi la Sampdoria, mentre alla quarta si andrà ancora in trasferta, a La Spezia. Alla quinta a Firenze arriva l’Udinese mentre alla sesta c’è la seconda insidia della stagione: si va infatti a Roma, sponda giallorossa. Alla settima abbiamo ancora una trasferta, a Parma, prima di tornare in casa e affrontare il Benevento. Alla nona, c’è Milan-Fiorentina e come accadde nella stagione precedente, ancora una volta l’andata è a San Siro: l’auspicio è di avere il medesimo risultato (1-3) dell’anno scorso, che mandò in visibilio i tifosi viola. La chiusura della stagione sarà con il Napoli a Firenze: una curiosità, visto che Fiorentina-Napoli fu, come detto, la prima della stagione precedente. Intanto sarà importante chiudere il mercato: poi sarà, come sempre, importante, iniziare bene: i buoni risultati sono alla portata. Il calendario non è stato malevolo, anche se una grande quasi subito potrà creare problemi. Ma nel prosieguo, le grandi sono distanziate, come sfide. La Fiorentina punta logicamente a far meglio della stagione precedente e a riconquistare l’Europa che manca dalla stagione 2016-2017.

  •   
  •  
  •  
  •