Trentun anni senza Gaetano Scirea

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

Sono passati 31 anni da quel tragico 3 settembre 1989. Era sera e ci si stava mettendo comodi per assistere alla Domenica Sportiva, condotta, come sempre con grande professionalità, da Sandro Ciotti. All’improvviso, il consueto “treno” delle partite venne fermato per annunciare la morte di Gaetano Scirea, proprio per voce di Ciotti. Scirea, ex libero di Juventus e Nazionale, era perito in un incidente stradale in Polonia, mentre stava andando a seguire i futuri avversari in Coppa Uefa dei bianconeri. Marco Tardelli, compagno di squadra e amico, lasciò lo studio, visibilmente commosso per la tragica notizia. Scirea aveva solo 36 anni ed un futuro di dirigente (e forse allenatore) davanti a sé. Non basterebbero pagine intere per descrivere la statura di questa persona, forse mai conscio della propria grandezza. Un signore dentro e fuori dal campo, incapace di interventi davvero cattivi.
” Gai ma buttalo giù ! “, urlava il Trap dalla panchina. ” Mister no, sa che non ci riesco “, rispondeva Scirea. L’uomo venne sempre prima del giocatore, amichevole e fraterno con i compagni, corretto e leale con gli avversari. Forse l’unico a ringraziare dopo ogni intervista. La vita ce lo ha portato via sicuramente troppo presto e sicuramente ci si immagina come sarebbe adesso. Sicuramente (ma forse è banale retorica) sarebbe lontano da questo tipo di sport, fatto di comunicazione veloce, di apparenza e soprattutto, di Internet. Amerebbe stare con i giovanissimi piuttosto che confrontarsi con gli adulti. Sono però solo elucubrazioni senza fondamento.
Scirea era di poche parole, già per il tempo diverso dagli altri: la sua stanza al mondiale di Spagna 1982 era soprannominata (suo compagno di stanza era il grande Dino Zoff) la Svizzera per la tranquillità e l’ordine che c’era là dentro. Lo stesso ordine che aveva Gaetano nella vita, come quando affrontò da privatista l’esame di maturità per far piacere a suo padre Stefano.

 

31 anni Gaetano, un abbraccio, ovunque tu sia

  •   
  •  
  •  
  •