Bologna, Mihajlovic: “Mandzukic non è adatto al nostro gioco”

Pubblicato il autore: Walther Bertarini Segui


Sinisa Mihajlovic ha parlato in conferenza stampa in vista di Bologna-Cagliari anticipo della sesta giornata alle 20.45 al Dall’Ara.

Ecco alcuni passaggi:

Tanti infortunati: “Da questo periodo se ne esce solo col lavoro, sperando di recuperare qualche infortunato. Dobbiamo crescere anche nel gioco, fin qui siamo stati superiori agli avversari ma non è bastato; dobbiamo essere più squadra. Non dobbiamo assolutamente cambiare mentalità e principi di gioco, ma migliorare comunicando di più, tenere alta la concentrazione, ovvero in pugno la gara; con queste cose il risultato cambierà”.

Calo fisico e poca lucidità:Nella partita ci sono diverse partite, anche per effetto dei cambi. A Roma siamo riusciti con i sostituti ad aumentare intensità, quindi si può fare meglio anche se domani ci mancheranno elementi che sono potenziali titolari: ora non abbiamo neanche Santander, forse  Medel può rientrare già anche contro il Napoli, ma essendoci la sosta probabilmente non lo rischieremo. Sperando che in questa fase di emergenza nessuno si prenda il COVID. Per la precisione al tiro quello dipende sia dalla qualità che dalla fortuna: anche dal VAR  perchè spesso quando facciamo goal ce li annullano… bisogna tenere duro, ci crediamo e sappiamo di avere le qualità per venirne fuori: lavoriamo bene e il lavoro paga.”

Barrow da esterno a prima punta: “Nelle scorse settimane ho detto che Musa deve saper fare queste tre cose: giocare bene e far goal, giocare male e fare goal; per essere importante deve raggiungere una di queste. Ora ha il problema alla mano quindi è anche condizionato, sa che deve fare meglio. Lui e Palacio possono giocare come centravanti abbiamo solo loro al momento, ma anche giocare con un trequartista alle spalle. Purtroppo con tanti infortunati non possiamo sfruttare appieno i cinque cambi che incidono tantissimo.”

Svincolati interesse per Mandzukic: “Con la società ne abbiamo parlato, ma sul mercato degli svincolati non c’è nulla che ci possa soddisfare al momento: prendere tanto prendere non mi va, rimaniamo così come siamo. Il nome di Mandzukic l’ho letto da voi.( Si rivolge al ds Bigon: “Hai contattato Mandzukic direttore?” e lo stesso Bigon: “No alttrimenti ne avrei parlato”), ma un giocatore grosso come lui e fermo da tanto, ci mette molto ad entrare in forma, tanto vale aspettare gennaio. Non dobbiamo farci prendere dal panico, ma ragionare con lucidità e fare le cose in maniera ponderata, non come i nostri Governi che fanno decreti a c… ecco non lo dovevo dire”.

Il Cagliari: Domani giochiamo contro una squadra forte pertanto prevedo una partita difficile, hanno tanti giocatori bravi. Giochiamo in casa l’abbiamo preparata bene, questo è  quello che conta.”

Finita la striscia di reti subite: “Sono contento per il passaggio del turno, ma il match di martedì non conta, domani dobbiamo fare di tutto per non subire, in certe situazioni con una squadra di pari categoria il goal lo avremmo preso, ma sono contento di aver valutato diversi giocatori.”

Maggiore comunicazione: “Dobbiamo migliorare sotto diversi profili, serve maggior comunicazione: io da giocatore scherzavo con i compagni negli spogliatoi giocavamo a carte, ora ci sono i social, i cellulari. Questo non parlo dei miei ma in generale: la coesione serve ad alzare il livello di concentrazione, la rabbia agonistica, essere più compatti a livello mentale, risolvere le difficoltà senza arrendersi: molti ragazzi giovani non sono abituati, ma stanno crescendo, anzi mi arrabbio di più con i senatori del gruppo se non parlano, da loro me lo aspetto sempre: fare un urlo al compagno deve essere la prassi, serve più malizia.”

Nessuno intoccabile: “Io mando in campo chi se lo merita non ci sono intoccabili: chi fa male va fuori, chi fa bene resta in campo. Dipende da loro, per il momento il migliore in questo periodo è Soriano“.

Parole di grinta e carica da parte di Sinisa, costretto a far fronte a numerosi infortuni: oltre a Poli, Dijks, Medel, Skov Olsen e Santander si sono aggiunti Mbaye e Sansone.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Lazio, caos per Luis Alberto: Lotito e Peruzzi litigano