Inter, Conte: “Abbiamo dominato la partita e non abbiamo concesso nessun tiro in porta al Genoa”

Pubblicato il autore: Mattia Dalmazio Segui

Ai microfoni di Inter TV il tecnico dell’Inter Antonio Conte ha commentato il successo dei nerazzurri per 2-0 a “Marassi” contro il Genoa

“Sin dall’inizio abbiamo comandato la partita. Siamo scesi in campo cercando di comandare il gioco, così come abbiamo fatto nelle precedenti gare. A volte capita di sbloccare subito il match, altre volte serve un po’ più di tempo. Anche con il Borussia però abbiamo offerto una buona prestazione, abbiamo subito solo due tiri, di cui uno su rigore. Oggi non abbiamo subito neanche un tiro e c’è soddisfazione perché siamo scesi in campo con la forza di una squadra cosciente. In realtà non abbiamo mai concesso grandi occasioni agli avversari, c’è stato qualche errore che ci ha penalizzato ma questa è una squadra che ha sempre mostrato equilibrio. Voi parlate di numeri, ma io devo fare un’analisi fredda e precisa. Lukaku uno degli attaccanti più forti al mondo? In questo momento Romelu è sicuramente un giocatore diverso, è migliorato rispetto a un anno fa, sotto tutti i punti di vista. Ho detto di lui che è un diamante grezzo ed è anche per questo che l’ho cercato con insistenza nelle mie avventure. Sta migliorando giorno dopo giorno, dà qualità alle sue giocate e sta segnando con grande continuità, per un attaccante non è un dettaglio da trascurare. Posizione di Eriksen? A me dispiace che ci si fossilizzi così tanto su Christian. È un giocatore della nostra rosa, come tutti gli altri. Ha delle caratteristiche e stiamo cercando di metterlo nelle migliori condizioni. Mi dà fastidio che si debba parlare sistematicamente di lui, non è assolutamente un problema, al massimo può essere un problema per gli avversari. È un ragazzo positivo e noi lo stiamo aiutando in tutti i modi per permettergli di esprimersi al meglio. Non è giusto avere questa altalena nei giudizi, per correttezza nei confronti del ragazzo, dell’Inter e miei”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Super League svizzera, Lugano-Basilea 1-0. Il sogno dei ticinesi continua