Inter, Perisic essenziale: il croato passa da esubero a jolly

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui


Ivan Perisic sempre più importante per Conte.
Il croato, grazie anche alle assenze per infortuni e coronavirus, è tornato a dare dimostrazioni del suo valore sul campo.

Nei mesi scorsi era sul punto di andar via da Milano, ha trascorso un periodo di totale emarginazione, rimanendo fuori dal progetto annuale della società. Impossibile da inserire nel progetto di Conte che nel suo modulo di gioco non trovava spazio per lui. Oggi la situazione si è ribaltata. Nonostante il suo ruolo sia stato un po’ reinventato da Antonio Conte, il trentunenne di Spalato è diventato uomo-chiave.
L’allenatore impiegherà l’attaccante come punta, come ha dichiarato nella conferenza stampa di ieri: “Per Perisic non è la prima volta come punta, ha caratteristiche per cui può giocare da attaccante e può essere un’alternativa importante nel duo d’attacco. Deve rappresentare un’alternativa. per il giocatore non è la prima volta”. L’assenza di Lukaku spinge l’allenatore a scegliere Perisic, che farà da seconda punta a fianco di Lautaro Martinez. La coppia proverà a portare a casa tre punti importanti. Tutti sanno quanto sia esigente Antonio Conte che, nonostante gli sforzi di Perisic, pretende di più, soprattutto si aspetta un salto di qualità del croato. Quale migliore occasione se non oggi pomeriggio contro il Parma? Il giocatore ha la chance di trovare il suo spazio nel progetto dell’Inter e di Conte, tocca a lui dimostrare di meritarlo. Il mercato di gennaio non è lontano e una sua conferma gli eviterebbe di ritrovarsi fuori dal progetto e sul mercato in un momento difficile per il calcio a livello mondiale.

La partita di oggi precede quella più importante che si giocherà tra qualche giorno, la gara contro il Real Madrid in Champions League. L’Inter deve passare per gli emiliani e provare a vincere, per macinare punti verso la vetta della classifica.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Conferenza stampa Borussia Mönchengladbach Inter: le parole di Conte e Ranocchia