Lapadula a Sky: “Perù? Gareca sarà il primo a saperlo”

Pubblicato il autore: Bryan Rojas Segui

lapadula
Sky Sport è andato a intervistare l’attaccante italo-peruviano del Benevento dopo il grande inizio di stagione “Arrivo a Benevento in ottime condizioni, sono contento per la partita con il Bologna.Lapadula dopo l’esperienza al Lecce dell’anno scorso, riparte dalla neo promossa Benevento sotto la guida di mister Inzaghi. Nell’ultima partita contro il Bologna, Lapadula è andato in gol che è risultato decisivo per il risultato. “Ho tanta voglia di recuperare il tempo perso e ritrovare me stesso. Ho grande fiducia in questo club e di tutte le persone che ne fanno parte, dal presidente al mister, dallo staff ai ragazzi.” Belle parole anche per un bomber storico come il suo allenatore Pippo Inzaghi: “Ha alimentato il fuoco in me, è riuscito a toccare corde molto importanti.

Lapadula-Perù, che possibilità ci sono?

Dopo aver pubblicato su instagram una foto che ritrae il suo nuovo tatuaggio che rappresenterebbe le sue origini, Lapadula è stato preso di mira dai meme peruviani. Non è passato inosservato l’errore grossolano di essersi tatuato un guerriero apache, civiltà nordamericana, invece che un incas peruviano. Ma questo non ha fermato la voglia del numero nove giallorosso, di riallacciare i rapporti con quelle che sono le sue origini. “Ho voluto imprimere sulla mia pelle ciò che mi appartiene. Nell’ultimo periodo la mia curiosità è cresciuta, ho guardato molte foto e video delle feste e tradizioni del Perù. Sin da piccolo sono stato molto legato al Perù, e sono contento di questo periodo in cui sto riscoprendo le mie origini.” Lapadula ha poi spiegato quale è la sua posizione per quanto riguarda la nazionale: “Quattro anni fa è venuto il Ct Ricardo Gareca per conoscermi e abbiamo parlato della Copa America. Tutto ciò era in concomitanza con i playoff del Pescara e pensai che non era il momento giusto per accettare la chiamata di una nazionale a cui ero poco legato. Non è sicuramente tramite un tatuaggio che dirò al Ct del Perù che ho accettato la nazionale peruviana, ma se avessi questo pensiero Gareca sarebbe la prima persona a saperlo. Oggi conosco molto meglio le mie origini, e sono orgoglioso che dentro di me ci sia sangue peruviano.

  •   
  •  
  •  
  •