Settore Giovanile, sospensione da parte della FIGC: i dettagli e la data di ripresa

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Niente campionati giovanili fino al 24 novembre. Questa è la decisione che la FIGC ha preso ieri sera circa il Settore Giovanile. Diciamo che ciò era nell’aria da settimane, nonostante alcune timide smentite da parte degli organi competenti. Possono tirare un sospiro di sollievo giocatori e staff dei campionati Primavera: infatti, la sospensione non toccherà questo settore nello specifico. Almeno per il momento. L’avanzata del Covid-19 rende tutto così imprevedibile e nulla può essere escluso di giorno in giorno.

La decisione è stata presa dal Governo “considerate le attuali condizioni di incertezza conseguenti all’emergenza epidemiologica da Covid-19 e l’incremento del numero di contagi anche tra i tesserati del Settore Giovanile e Scolastico“. Una scelta dolorosa e che scatenerà senza dubbio polemiche da parte di calciatori e addetti ai lavori. Ecco il comunicato diramato dalla Federazione nel dettaglio:

Leggi anche:  Fiorentina: terza sconfitta in quattro gare. Viola battuti a San Siro

sospensione delle gare in programma dal 31 ottobre p.v. al 24 novembre p.v. dei Campionati Nazionali Under 18, Under 17, Under 16 e Under 15 riservati alle società di Serie A e B, Under 17, Under 16 e Under 15 riservati alle società di Serie C, Under 17 e Under 15 femminile, Under 14 e Under 13 Pro, confermando nel contempo la possibilità per le società di effettuare, ove consentito, le sedute di allenamento nel rispetto delle indicazioni previste dai protocolli federali vigenti“.

Sospesi pure gli allenamenti svolti in forma individuale

Un’ulteriore doccia fredda è data pure dalla sospensione degli allenamenti, presente in una circolare diramata ieri sera dal Ministro dell’Interno: “Inoltre, sempre per tali attività sportive (ci si riferisce agli sport di contatto) vengono sospese non solo le gare e le competizioni ludico-amatoriali, confermando quanto già disponeva il precedente Dpcm, ma altresì tutte le attività connesse, praticate a livello dilettantistico di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento; sicché sono ricomprese nella generale sospensione anche le attività di allenamento svolte in forma individuale”.

  •   
  •  
  •  
  •