Spadafora: “Cristiano Ronaldo ha violato il protocollo”

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui


Il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha parlato ai microfoni di Rai Radio1 nel corso del programma “Il mix delle cinque”. Spadafora ha parlato di Cristiano Ronaldo, del pubblico negli stadi, della sentenza Juventus Napoli e dello stop dello sport amatoriale.
Ecco le sue parole.

Spadafora: “Per adesso non ci sarà pubblico negli stadi”

L’intervista di Spadafora è iniziata con la questione Cristiano Ronaldo che è andato in Portogallo per giocare con la nazionale e, una volta contratto il Covid-19, è tornato in Italia per trascorrere la quarantena a Torino. Il ministro ha accusato il portoghese: “Se non ci sono state autorizzazioni specifiche dell’autorità sanitaria, Cristiano Ronaldo ha violato il protocollo.”

Gli italiani continueranno a guardare le partite? “Sì, penso proprio di sì e me lo auguro per tutti loro.”

Sul pubblico negli stadi, Spadafora si è espresso così: “Per adesso gli stadi resteranno ancora chiusi. Le Regioni avevano proposto un 25% rispetto ad un pubblico possibile ma per adesso non possiamo autorizzarlo. Almeno fino al prossimo mese, dobbiamo vedere come andrà la curva dei contagi da qui fino a metà novembre.”

Riguardo la sentenza di Juventus – Napoli: “È una sentenza di cui prendo atto. Vediamo adesso cosa accadrà dopo il ricorso del Napoli.”

Domanda anche sullo sport amatoriale che, secondo il ministro: “continua ad essere il motore anche di rilancio in questo momento del Paese nei territori. Noi abbiamo dato soldi, paradossalmente in questo momento, allo sport di base che mai aveva visto prima. Non bastano, ne daremo ancora altri perché è il vero motore del Paese.”

L’ultima domanda riguarda il bonus di sostegno per gli altri sport: “Anche per gli altri sport stiamo immaginando dal credito di imposta per le sponsorizzazioni ad altre misure che possano consentire a tutte le discipline sportive  di andare avanti in un momento così difficile.”

 

  •   
  •  
  •  
  •