Ziliani duro: “La Juventus espone scudetti rubati e calpesta tutte le leggi. Agnelli racconta solo balle, dovrebbe vergognarsi”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui


La vittoria a tavolino della Juventus contro il Napoli, Ziliani arrabbiatissimo su Twitter. L’ex giornalista di Mediaset non ha gradito, a quanto pare, la decisione del giudice sportivo di assegnare il 3-0 ai bianconeri e il punto di penalizzazione agli azzurri. Ziliani, sempre molto attivo sui social, così si è sfogato con una serie di tweet: “Se al Napoli danno partita persa per non aver rispettato (in una situazione di grave allarme sanitario) il protocollo del calcio, dovrebbero dare partita persa alla Juventus ogni volta che gioca a Torino esibendo scudetti rubati e calpestando quindi tutte le leggi del calcio”, “Spett.le @FIGC, la@juventufc gioca nel suo stadio esibendo due scudetti che non le appartengono. Puoi per favore diffidarla? E nel caso persista, attivare Procura e giudice sportivo per sanzionarla con la perdita della partita per 0-3? Grazie. (retweet se sei d’accordo)”.


Le parole di Andrea Agnelli sull’esame di Suarez, Ziliani non la prende bene. 
Il numero uno dei bianconeri ha parlato così all’assemblea degli azionisti riguardo lo scandalo che ha riguardato il calciatore uruguaiano: “Le frasi riportate non corrispondono alle telefonate, sono frutto di un racconto distorto effettuato improvvidamente da personaggi tenuti all’osservanza del segreto istruttorio. L’indagine è in corso ed è coperta dal segreto come più volte ribadito dal procuratore Cantone. La Juve è estranea alla vicenda dell’esame di Suarez, che il giocatore ha deciso di affrontare nonostante la Juve avesse già comunicato la volontà di non tesserarlo”. Non è tardata ad arrivare la risposta di Ziliani su Twitter: “Quindi #Agnelli pensa che l’Italia sia un Paese abitato da 60 milioni di insufficienti mentali. Ma non è così. Diciamo che è un Paese dove a qualcuno è permesso tutto, anche raccontare balle di cui ci si dovrebbe vergognare, e tutti zitti, tutti a belare nel gregge. Non solo raccontano balle alla gente su ogni caso che li riguardi, vedi Suarez, ma le contano anche ai loro azionisti. Come i nuovi ricorsi per riavere gli scudetti di Calciopoli. L’ultimo risale all’8 gennaio 2020, respinto con l’avviso: esauriti tutti i gradi di giudizio”.

  •   
  •  
  •  
  •