Juventus, Khedira: “Sogno la Premier. Lavorerei ancora con Mourinho”

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui


L’idillio tra la Juventus e Sami Khedira sembra volgere al termine. Il giocatore bianconero, in ritiro con la Nazionale, rilascia un’intervista a Sky Germany, mostrando di avere le idee chiare: “Fin da quando sono bambino il mio sogno era di giocare nella Premier League. Sono davvero felice e soddisfatto della mia carriera fino ad ora, ma ora una cosa che mi manca e che non ancora si è realizzata è quella di giocare in una squadra della Premier League. Ho sempre visto molte partite del campionato inglese da quando sono piccolo, ora lo sto seguendo di più. Sono sempre molto felice di giocare contro i club inglesi in Champions League. L’atmosfera e lo stile, ma anche l’idea di calcio mi hanno sempre impressionato. Se questo sogno si realizzerà, per me sarà un vero onore far parte di un club di Premier League”.

Il tedesco della Juventus: “Non direi mai di no a Mourinho”

Il giocatore tedesco, classe 1987, ha modo di parlare anche del suo ex allenatore al Real Madrid, Mourinho, che lo ha allenato nella stagione tra 2011 e 2013: “Ha una grande personalità, è sempre onesto, diretto, chiaro e un grande allenatore. Molte persone dicono che è troppo difensivo ma è un vincitore, è un campione. Ecco perché mi ha impressionato. Mi è piaciuto molto lavorare con lui, ma ci sono molti allenatori con cui mi piacerebbe lavorare. Non direi mai di no a Mourinho, ma non è l’unico coach con il quale mi piacerebbe lavorare di nuovo. Ci sono molti allenatori, anche in Premier League che rispetto molto. Ancelotti sta facendo un buon lavoro in questo momento”.
Il centrocampista della Juventus è in scadenza di contratto, giugno 2021, ma lascia intendere che al più presto potrebbe abbandonare i bianconeri, forse anche a gennaio. Sempre meno spazio nel progetto con Andrea Pirlo, Sami ha giocato davvero poco.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Maradona e quel rifiuto alla Juventus: "Non posso fare questo affronto ai napoletani"