Maradona, la calciatrice spagnola Paula Dapena non rispetta il minuto di silenzio: “Era uno stupratore”

Pubblicato il autore: Gaetano Masiello Segui


Maradona, la sua morte continua a far disputare in senso positivo e “negativo”
. Diego Armando Maradona si é spento all’età di 60 anni il 25 novembre ma la sua morte sta divivendo la gente. Sono tantissime le persone che lo ricordano con dolore e affetto, ma alcuni non lo ricordano bene in particolare per la sua vita privata. In particolare sulla vita privata di Maradona tiene banco la vicenda riguardante il rapporto con le donne. Dopo Laura Pausini, che in settimana aveva definito Maradona “un uomo poco apprezzabile”, ieri la calciatrice spagnola (Paula Dapena) si é rifiutata di onorare la scomparsa “del Pibe de Oro”.

Maradona, la calciatrice spagnola Paula Dapena si rifiuta di onorare il minuto di silenzio. Nel weekend tutto il mondo del calcio ha ricordato Maradona su tutti i campi ma in Spagna in un match del campionato spagnolo femminile tra Viajes Interrias FF e Deportivo Abanca, la calciatrice spagnola Paula Dapena non ha rispettato il minuto di silenzio per Maradona. Infatti si é seduta a terra voltando le spalle ed ha spiegato il motivo della sua decisione: “Per le vittime non c’è stato un minuto di silenzio; quindi ovviamente non sono disposta a fare un minuto di silenzio per lui”. Prosegue la Dapena: “Mi sono rifiutata di fare un minuto di silenzio per uno stupratore, un pedofilo e un molestatore. Per questo ho pensato di sedermi a terra e voltare le spalle”. Il gesto della Dapena ha fatto il giro del web, che é stato fortemente criticato sul mondo dei social.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  De Ligt replica le critiche di Van Basten: il difensore senza paura