Un Ibrahimovic famelico…

Pubblicato il autore: antonio gentile Segui

Era da tempo che non si vedeva un Milan così specie dopo tutte le incomprensioni tra i dirigenti rossoneri e la proprietà, ma grazie al lavoro costante di un grande allenatore come Stefano Pioli giorno dopo giorno passando dalla qualificazione in extremis in Europa league fino al primo posto attuale in classifica. A tutto questo si aggiunge la super prestazione di Ibrahimovic con 2 perle da fuoriclasse, puro leader indiscusso sia dentro che fuori dal campo grazie al suo carisma, capace di coinvolgere tutto lo spogliatoio facendo emergere le doti migliori ai suoi compagni verso traguardi che sembravano irrangiungibili fino a ieri. Intanto però l’allenatore predica calma anche perchè le insidie sono dietro l’angolo, un esempio proprio dopo la partita contro il Napoli dove ha riportato una lesione al bicipite femorale sinistro e di conseguenza non potrà dare il suo contributo nei prossimi impegni sia in Europa che in campionato.

Leggi anche:  FA Cup, dove vedere Manchester United-Liverpool in streaming e diretta tv

I tanti addetti ai lavori come gli stessi media si domandano senza Ibra sarà sufficiente cambiare modulo per ovviare alla sua assenza o il Milan dipende solo da lui come un capitano nella tempesta? Di solito il ragazzo di Malmo non esce mai dal campo ma lo stesso aveva avvertito una fitta accasciandosi a terra e richiamando lo staff medico per un pronto intervento. Intanto numeri impressionanti a suon di goal per Ibra che come un vero guerriero non si tira indietro sugli episodi vedere esempio lo scontro con koulibaly uno dei tanti che ha lasciato un fiume di polemiche… Bonera il vice di pioli fa chiarezza sul momento di non guardare la classifica perchè gli impegni sono tanti e bisogna migliorarsi sempre non è obbligatorio vincere. Gli occhi sono puntati su Ibra ma anche Saelemaekers non è uscito molto bene riportando anche lui un trauma alla caviglia. In definitiva il Milan ci ha abituato a rimonte o imprese incredibili certo nei singoli puoi anche non avere dei top player rispetto altre squadre ma quando un gruppo è unito nulla è impossibile…

  •   
  •  
  •  
  •