Mughini la prende male: “Juventus-Fiorentina? Addio decimo scudetto per un arbitro da quattro soldi”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

La Juventus perde in casa contro la Fiorentina, la delusione di Mughini. Il 22 dicembre è stato un giorno che i tifosi bianconeri ricorderanno a lungo prima per la sentenza che ha tolto i tre punti a tavolino della partita contro il Napoli e poi per la sconfitta tra le polemiche in casa contro i viola. In una lettera aperta a Dagospia, il noto tifoso juventino Giampiero Mughini ha commentato così la disfatta contro la squadra di Prandelli: “La Juventus esce dal giro delle squadre candidate allo scudetto. Non che sia successo chissà che cosa. Sono stati degli episodi, ma questo è il calcio. Una boiata in difesa, ed è arrivato il primo gol della Fiorentina. Cuadrado che fa una scivolata a difendere e che tiene il tallone alto a modo di un martello e che viene espulso dopo la consultazione del Var. Borja Valero che fa un fallaccio dopo essere stato ammonito e che un arbitro da quattro soldi non giudica degno di un secondo giallo e dunque di un’espulsione”.

Mughini 
continua: “Il solito arbitro da quattro soldi che non concede due rigoretti alla Juve che ci sta provando a pattare la partita, uno con CR/7spinto a terra in area e l’altro con Bernardeschi ostruito fallosamente mentre tentava di battere in porta. Episodi, nient’altro. Cose che succedono in un match di calcio un giorno sì e l’altro pure, e non c’è da parlarne per più di trenta secondi e laddove del famoso gol di Turone i romanisti sproloquiano da oltre trent’anni. Niente di tutto questo. 0-3 per la Juve che gioca in casa contro una Fiorentina reputata non irresistibile. E’ il calcio. E’ la sua bellezza e la sua imprevedibilità. E non c’è assolutamente nulla da aggiungere. Addio, caro decimo scudetto”. 

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Amichevole, dove vedere Bayern Monaco-Napoli: streaming e diretta tv in chiaro?