Roma, sconfitta indolore

Pubblicato il autore: antonio gentile Segui

Una Roma senza stimoli perde nella serata di Europa League contro il Cska Sofia. Fonseca scontento decide di mandare in campo la promessa di appena 18 anni Tommaso Milanese per dare fluidità al gioco, il giocatore subito dimostra di entrare in partita realizzando il goal della bandiera per i capitolini. Le sue prime parole sono di essere consapevole dell’ esordio con emozioni mai vissute.

L’allenatore gli comunica di giocare senza paura in qualsiasi posizione del campo. Milanese esordisce sui campi del Lecce da quattordicenne, viene segnalato subito da 2 figure importanti nel passato glorioso del calcio Salentino, si accorgono di lui Corvino e Miccoli che lo vogliono a tutti i costi.

Tommaso risponde con prestazioni d’alto livello di conseguenza Miccoli decide di chiamare Bruno Conti della Roma per visionarlo. Conti subito capisce le potenzialità del ragazzo spingendolo verso la sponda giallorossa e chiudendo le richieste di mercato da parte dei club.

Leggi anche:  Zhang conferma tutta la dirigenza: Marotta e Ausilio fino al 2024

Fonseca lo ripaga immediatamente schierandolo contro il Cluj e  il Cska. Milanese arriva nella Roma attraverso un percorso dai campi provinciali per approdare al prestigioso calcio Europeo,  visto con ammirazione dal proprio allenatore.

Intanto il settore giovanile della Roma fa nascere grandi campioni del domani come l’eterno Totti. Ma un elogio va fatto agli osservatori che trasformano le abilità di una promessa nelle vittorie di una società. Milanese dimostra di avere carisma con un futuro davanti a se roseo salvo scongiuri ricco di soddisfazioni.

  •   
  •  
  •  
  •