Sconcerti: “Sull’Inter si dice una bugia che impressiona. Cristiano Ronaldo premiato miglior giocatore del secolo? Roba da ricchi”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Il giornalista Mario Sconcerti ha commentato così il momento dei nerazzurri tra le pagine de Il Corriere della Sera: “Aveva grossi problemi in difesa, ora ha preso solo quattro reti nelle ultime sei partite. E forse stupirà sapere che uno dei giocatori più presenti in questo periodo è stato Darmian. L’Inter parte favorita contro quasi tutti gli avversari, è una specie di bugia che impressiona sempre perché ha attaccanti giovani e tra i migliori al mondo. Questa è una differenza che pesa: Lukaku ha giocato 12 partite su 14, Ibrahimovic 6. Accanto a Lukaku gioca Lautaro, il giocatore ideale per investire su tutto quello che il fisico di Lukaku costruisce di lato, quando non va via da solo. Lautaro non dribbla, non fa assist. Lautaro tira e basta e senza guardare la porta. Assomiglia ad Aguero, ad Icardi, a Tevez. Ed è solo la seconda punta. È questa abbondanza che non fa giudicare l’Inter per come gioca, quello è un effetto estetico. L’Inter è quasi soltanto potenza pratica”. 


Il giudizio di Sconcerti su CR7 calciatore del secolo. Nel suo consueto appuntamento Un Cappuccino con Sconcerti sul sito calciomercato.com, il giornalista ha parlato anche del premio ricevuto da Cristiano Ronaldo come miglior giocatore del secolo a Dubai: “Non hanno sbagliato molto, Ronaldo e Messi sono oro puro. Tutta l’architettura cade però su due fattori: primo i votanti. Chi erano, che competenza avevano? Come si partecipava? Qualcuno ne sapeva qualcosa? Secondo problema il titolo, “giocatore del secolo”. Quale secolo? Il millenovecento, quando Cristiano aveva quindici anni? O il Duemila, che però è appena all’anno venti, un quinto della strada? Non scherziamo. Non permettiamo ai fratelli ricchi di raccontarci la nostra storia. O almeno pretendiamo lo facciano seriamente”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Amichevoli Roma 2021: tutti gli impegni precampionato dei giallorossi