Cagliari, si riparte da Di Francesco

Pubblicato il autore: antonio gentile Segui


La Serie A chiude un girone di andata ricco di colpi di scena con strategie e acquisti importanti. Certezze su tutti con un Milan campione d’inverno tallonato da inseguitrici come Inter, Atalanta e Juventus che non mollano.

Un Napoli in crisi di identità, tra alti e bassi tra coppe e campionato nella zona Champions. Intanto la parte bassa della classifica fa registrare una conferma importante sulla panchina del Cagliari, quella dell’ allenatore Di Francesco.

Il presidente cerca di risollevare uno spogliatoio demoralizzato dalle ultime sconfitte dentro una classifica compromessa. Si guarda al girone di ritorno con prudenza lasciandosi alle spalle i punti persi.

L’allenatore rimane sorpreso dalla decisione rispetto alle deludenti prestazioni, ma consapevole di non aver tirato fuori la squadra dalle sabbie mobili. Il cambio in panchina sarebbe stato devastante per i giocatori in un tempo ormai ristretto.

Leggi anche:  Mattia Caldara è utile alla causa atalantina? Assolutamente si (ma non per 15 milioni)

Manca soprattutto la concentrazione in una gestione dei moduli, specie nel reparto d’attacco da sfoltire. Si cerca di capire, in un anno già reso difficile dalla presenza del Covid, cosa abbia portato il club in questa situazione dopo aver compiuto diversi sforzi per rimanere nella massima serie.

Il Cagliari viene dai festeggiamenti del suo centenario in una piazza isolana da sempre resa grande grazie ai suoi protagonisti. Come evidenziato dal presidente bisogna tornare a giocare senza paura, tirando fuori gli attributi e augurandosi di uscire presto dalla lotta salvezza, sognando posizioni di prestigio.

  •   
  •  
  •  
  •