Mughini: “Inter-Juventus? Sembrava un film horror. Superiorità imbarazzante dei nerazzurri per la prima volta dopo 10 anni”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

La Juventus affonda contro l’Inter, il commento di Mughini. I bianconeri hanno perso 2-0 contro i nerazzurri nel posticipo della diciottesima giornata di Serie A dando l’impressione di non essere proprio scesi in campo. Aldilà del punteggio, la sconfitta è stata netta e la prestazione di Cristiano Ronaldo e compagni largamente insufficiente. Il noto tifoso bianconero Giampiero Mughini non ha preso bene la debacle della sua squadra del cuore e si è sfogato così in una lettere scritta per il sito Dagospia“La partita di stasera si fosse giocata quindici volte, voglio dire “questa” partita per quello che stasera hanno fatto vedere nei singoli e nell’assieme le due squadre, l’Inter la vincerebbe 15 volte. E in dieci anni, è la prima volta che succede. Sì, ci sono partite che la Juve ha perso perché si trattava di una partita nata dannata, o perché i singoli episodi erano stati sfavorevoli, o per una qualche ingenuità in difesa, o magari perché sfavorita da un qualche erroraccio dell’arbitro. Questa volta no”.

Mughini continua: “Questa volta e per la prima volta in dieci anni, c’era in campo una squadra superiore a quella bianconera e che di questa superiorità era pienamente cosciente. Il loro secondo gol, con Bastoni che effettua un lancio da metà campo e Barella che si avventa precedendo in velocità ben due difensori juventini e poi la mette all’incrocio, è una lezione di gioco oppure una immagine da film dell’orrore. A seconda dei punti di vista. Pirlo ha detto prima della partita che non sarebbe stata una “partita” decisiva ai fini dello scudetto. Di certo è stata una partita decisiva nell’acclarare che la Juve non è di certo la favorita nella corsa allo scudetto. Non lo è più. Per la prima volta in dieci anni. Succede”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Olimpiadi pallavolo maschile, l'Italia chiude al 2° posto e ora attende il sorteggio per i quarti