Zazzaroni: “Destabilizzare l’Inter? È in difficoltà e lo capisco”

Pubblicato il autore: Mattia Dalmazio Segui

“Devo dire che nelle ultime settimane si sono divulgate notizie, alcune vere, altre speculazioni che forse hanno l’obiettivo di destabilizzare l’ambiente” così l’amministratore delegato dell’Inter Beppe Marotta ha risposto al Corriere dello Sport, che nella giornata di ieri aveva diffuso la notizia del mancato accordo tra Inter e Real Madrid per il pagamento della prima rata del cartellino di Achraf Hakimi, notizia seccamente smentita sia dal procuratore del calciatore e sia dal Real Madrid con un comunicato ufficiale.

Non si è fatta attendere la risposta del direttore del Corriere dello Sport Ivan Zazzaroni che nell’edizione odierna del quotidiano romano dichiara:“Ringrazio Beppe: ci ha riconosciuto un’importanza che non pensavamo di avere. Adesso il mondo del calcio sa che un titolo del Corriere dello Sport – oltre che del solito, informatissimo Currò  ha la capacità di togliere il sonno (e qualche punto) a un club, anche al più solido, credibile e compatto.

E bravo Beppe, un po’ infantile e scontata come considerazione, ma ugualmente bravo e soprattutto corretto. A questo punto dovrebbe spiegare, però, quale sarebbe l’obiettivo di chi come noi e altri  nella stagione degli appiattimenti prova ancora a informare, a scavare, a fare il mestiere, molto spesso riuscendoci: a tal proposito ricordo le belle parole che proprio lui spese, premiando la battaglia che conducemmo la scorsa primavera per portare a termine la stagione nonostante la pandemia; battaglia che peraltro lo vide schierato in prima fila con gli altri, i nordisti, promotori della chiusura.

Leggi anche:  Immobile carica la Lazio: "Questo gruppo non molla". Mercoledì 10 marzo riceverà la Scarpa d'Oro

Il nostro obiettivo, allora? Procedo per tentativi, sono semplici ipotesi: togliere lo scudetto all’Inter per consegnarlo, che so, al Milan, lo considera un traguardo del Corriere dello Sport? E parla di rispetto. Lui. Oppure favorire la conquista del decimo titolo consecutivo della Juve, che mi sembra in grado di farcela da sola? È convinto che produciamo “speculazioni” sull’Inter o su altri per tentare di aiutare Roma, Lazio, Napoli, Bologna, Fiorentina e Cagliari? Domandi a Pallotta come lo trattammo. O a Lotito se gli abbiamo mai risparmiato qualcosa.

Marotta è in difficoltà, lo capisco. Lo ricordo sorridente ai tempi della Juve. E non solo perché vinceva: era al vertice operativo di un’azienda vera, a Milano l’hanno chiamato per questo. Forse teme di non esserci riuscito, con o senza scudetto finale. Ci sono vittorie che a volte costano quanto e più delle sconfitte. Ieri mattina ci siamo scambiati una lunga serie di messaggi e per due volte Beppe ha ammesso  demo)cristianamente di volermi bene: ci conosciamo da una vita, un po’ di affetto ci sta e anche la stima che non significa collaborazione. Ha anche sottolineato di apprezzare “i miei editoriali per un calcio migliore” . Ma si migliora coltivando il senso di responsabilità, cercando di far crescere il sistema, non accusando a capocchia o inventandosi nemici. Ci riusciva solo Mourinho, con intelligente ironia si faceva prendere sul serio. E lui, sì, riassumeva in sé tutti i ruoli, escluso Moratti, al quale concedeva l’esercizio della passione. E poi, concludo, i nostri club non hanno bisogno di stimoli esterni: sono capaci di destabilizzarsi da soli partendo da vergognose assemblee di Lega per arrivare a buchi di 500, 600 milioni, attraverso esami farlocchi, false positività, scazzi tra allenatori e giocatori, scambi di favori, improvvisi blocchi cinesi e manager che venderebbero l’anima al diavolo pur di conservare un posto in consiglio federale.

Leggi anche:  Napoli, crociato rotto per Ghoulam: lungo stop

A Marotta, al quale auguro il meglio, anche lo scudetto (Conte sa come si fa) do appuntamento al 31 marzo, la scadenza dell’accordo tra Inter e Real per il pagamento della prima rata di Hakimi, non prima però di aver ribadito che nelle ultime 72 ore a Madrid il “tema Achraf” è stato trattato con particolare attenzione e qualche timore. Il Real, sollecitato dall’Italia, ha smentito di aver esercitato pressioni. Ma, come disse Lore Lorentz, “la smentita è il disperato tentativo di far rientrare il dentifricio nel tubetto” .

  •   
  •  
  •  
  •