Inter, Barella al top: motorino del centrocampo, uomo chiave per Conte

Pubblicato il autore: Mattia Dalmazio Segui

“Ha un’attitudine diversa, un modo di parlarti che ti trasmette qualcosa di nuovo. Per lui mi farei ammazzare, vale per tutti i suoi calciatori. E questo fa la differenza. Ha visto come corrono le squadre di Conte? Eh, non è solo perché sono preparate bene. È frutto di quel che ti mette in testa lui” così Nicolò Barella in una recente intervista parla del suo allenatore Antonio Conte

Poco interessa ad Antonio Conte, estasiato per le prestazioni del nazionale azzurro, vero motorino e tuttofare del centrocampo nerazzurro e della nazionale italiana di mister Roberto Mancini.

Un’altra ottima prestazione dell’ex centrocampista del Cagliari, l’uomo di movimento più utilizzato da Conte in questa stagione. A sottolinearlo anche i numeri statistici: ottantanove passaggi riusciti in partita, anche in questo caso il migliore sia dell’Inter e sia del Benevento.

Leggi anche:  Serie A, Atalanta-Venezia 4-0: tripletta di Pasalic, lagunari ko

Nicolò Barella motorino instancabile dell’Inter con oltre 11,056 km percorsi in partita (secondo solo a Brozovic) di cui 8,4 km tutti di corsa. Tutto merito della preparazione fatta ad Appiano Gentile negli ultimi mesi, ma anche durante il lockdown. Barella e tutti i suoi compagni di squadra hanno seguito attentamente il programma dello staff dei preparatori di Conte. I preparatori hanno visionato il centrocampista sardo per tutto il periodo della pandemia: l’aiuto non è stato solo atletico spingendolo ad esercizi molto duri e al massimo delle proprie capacità, sia motivazionali. I risultati sono stati ottimi, il centrocampista è tornato ad Appiano Gentile in splendida forma e con i complimenti di Conte, Stellini e dell’intero staff tecnico. Perché il numero 23 nerazzurro è diventato un giocatore imprescindibile per Conte, per l’Inter e per la nazionale italiana di Roberto Mancini. 

  •   
  •  
  •  
  •