Inter, Lukaku risponde ai tifosi su Twitter. Le sue parole su Inter, Conte, Italia, NBA, Chelsea, Man Utd…

Pubblicato il autore: Marco Morgano Segui

Q&A DI ROMELU LUKAKU CON I FANS DI TWITTER, TUTTE LE SUE RISPOSTE – Romelu Lukaku, belga di origini congolesi classe ’93, è uno degli attaccanti più formidabili della storia del campionato italiano. Approdato all’Inter, nell’estate 2019, per 75 mln di euro simbolizza il profilo dell’icona del club nerazzurro, per cui ha già siglato 57 reti in 81 gare disputate. “Big Rom“, visti anche i suoi trascorsi in club blasonati come Chelsea e Man Utd, è una delle celebrità del mondo calcistico e sportivo planetario. Del resto,  il panzer fiammingo è un unicum nel calcio mondiale dal momento che unisce la sua imponente stazza, di 191 cm per 96 kg, ad una rapidità ed una tecnica inverosimilmente sensazionale. Romelu Menama Lukaku Bolingoli vanta 7,16 mln di like alla sua pagina Facebook, 5,30 mln di follower sul suo profilo Instagram e 2,16 mln sul suo account Twitter, dal quale ha risposto a più di 20 curiose domande postegli dalla sua immensa community.

Leggi anche:  Calciomercato Serie A: i nomi più chiacchierati in ogni ruolo

Lukaku intervista, dal passato in Premier al presente in Italia passando per basket, anime e idoli

Di seguito riportiamo le domande, poste virtualmente dai tifosi, e le relative risposte, condivise pubblicamente dall’attuale vice-capocannoniere del nostro campionato, Romelu Lukaku.
Il n° 9 nerazzurro esordisce affermando: “In questo momento, la prossima partita. Mi concentro solo sul presente”.L’idolo con cui sei cresciuto?
Drogba“.

Quale è il tuo miglior momento vissuto all’Inter?
“Finora è andato tutto bene, mi mancano solo i tifosi negli stadi”.

Un tuo parere su Rashford.
“Sta migliorando continuamente! Mi piace vederlo giocare, è sicuramente uno dei più talentuosi con cui ho giocato”.

Il tuo gol preferito segnato con l’Inter?
“Quello segnato in trasferta contro il Napoli, l’anno scorso”.

I migliori ricordi al WBA?
“Il debutto e la mia ultima partita”.

Il miglior difensore contro cui hai giocato?
“Vincent Kompany“.

Cosa ami fare oltre al calcio?
“Stare con mio figlio, giocare e guardare il basket“.

Jordan o Lebron James?
“Non farmi questo”.

Leggi anche:  Florentino Perez, Superlega: "Dicono che Juve e Milan sono andati via, ma non è così perchè..."

Differenze tra Premier League e Serie A?
“Sono campionati che hanno stili di gioco molto diversi, mi ci è voluto un po’ per adattarmi”.

Oltre a Kobe, quale altro giocatore dell’NBA ti ispira?
“Sicuramente LeBron James! Il modo in cui guida le sue squadre e il modo in cui ispira un’intera generazione è davvero impressionante”.

Chi è il miglior giocatore di calcio al momento?
Lewandowski, adoro la sua etica del lavoro e il suo modo di giocare! Un vero professionista”.

Cosa hai detto dopo il 3-0 segnato al Milan?
“Ho detto un sacco di cose per colpa dell’adrenalina, immagino!”.

Un commento sul tuo feeling con Lautaro.
“La comunicazione è stata fondamentale! Abbiamo un ottimo feeling l’uno per l’altro, ma soprattutto lavoriamo per la squadra!”.

Il migliore giocatore brasiliano che hai visto giocare?
Neymar“.

Hai qualche rimpianto nella tua carriera?
“Uso i fallimenti come motivazione”.

Il tuo anime preferito?
Dragonball Z“.

Ti piace vivere in Italia?
“Sì, la amo”.

Leggi anche:  Superlega, ancora dentro Juve, Real Madrid e Barcellona: cosa rischiano

Hai visto il derby della Merseyside?
“Sì, sono contento per l’Everton”.

Come è il tuo tocco di palla?
“Meglio del tuo, come puoi vedere”. (Qui compare una gif figurante un suo stop effettuato in occasione di Atalanta-Inter)

Cosa provi per il Chelsea?
“Nient’altro che amore, mi hanno dato l’opportunità di arrivare in Premier League quando ero ragazzo. Non puoi avere tutto nella vita, sono d’accordo. Sono contento che questa esperienza mi abbia portato dove sono oggi”.

Cosa ne pensi di Solskjaer? Avevi un buon rapporto con lui prima di lasciare lo United?
“Sta andando alla grande. Dovete sapere che mi piace come manager e come persona, non gli auguro altro che il meglio”.

Chi è il giocatore contro il quale è più difficile giocare in allenamento?
“L’allenamento, in realtà, una zona di guerra. Il nostro manager non gioca. Non gli piace quando ci tratteniamo, adoro tutto questo”.

  •   
  •  
  •  
  •