Format Superlega, ecco come funzionerà: due gironi da 10 squadre, si parte ad agosto?

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


FORMAT E REGOLAMENTO SUPERLEGA, ECCO COME FUNZIONERA’ LA NUOVA COMPETIZIONE EUROPEA D’ELITE – In modo del tutto clamoroso, questa notte la neonata Superlega ha emesso un comunicato annunciando la sua nascita. Tutti i club partecipanti hanno a loro volta pubblicato un annuncio sui propri canali ufficiali, di fatto dichiarando di essere pronti ad incominciare fin da subito la nuova competizione. Tra queste società, dentro anche Juventus, Milan e Inter: per ora sono 12 i club fondatori, a cui si aggiungeranno presto anche Bayern Monaco, Porto e Lipsia (anche se SkyDe ha appena annunciato che le squadre tedesche non sembrano avere intenzione di partecipare alla rassegna). La risposta della UEFA, preventiva, arrivata ieri pomeriggio, non è bastata per fermare il movimento separatista: i ricchi del football si sono creati la loro competizione. Ma come funzionerà la Superlega? Qual è il format della competizione? Ecco i dettagli.

Leggi anche:  L'addio di Fonseca: "La decisione è stata consensuale. Mou è un grande"

Format Superlega, ecco come funziona il nuovo torneo europeo: 20 club, due gironi da dieci

La Super League, che ha già il suo sito ufficiale (thesuperleague.it), potrebbe prendere piede ad agosto 2021. I dodici club fondatori sono Milan, Inter, Juventus, Arsenal, Liverpool, Manchester City, Manchester United, Tottenham, Chelsea, Barcellona, Atletico Madrid e Real Madrid. Inoltre, raggiunta quota quindici, ogni anno entreranno cinque club, non per meriti sportivi ma per motivi economici e, quindi, su invito.
Le venti squadre verranno divise in due gironi da dieci squadre, che si sfideranno in partite di andata e ritorno per un totale di 18 match. Le prime quattro di ogni girone, poi, giocheranno i quarti di finale (e le semifinali) con andata e ritorno sulla base di sfide incrociate: la 1^ contro la 4^, la 2^ contro la 3^. La finale, poi, si disputerà in gara unica, nel week-end. Le sfide dai gironi alle semifinali, invece, si disputeranno in settimana. L’addio alla Champions League di tutti i club partecipanti sembra quindi scontato: resta solo da capire quale sarà la posizione della UEFA a questo punto, e gli accordi che verranno creati per permettere lo svolgimento della manifestazione.

  •   
  •  
  •  
  •