Superlega, clamoroso comunicato della UEFA: “Chi si unirà, sarà escluso da tutte le competizioni, nazionali e internazionali”

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


COMUNICATO SUPERLEGA, LA UEFA ATTACCA E MINACCIA: ANCHE JUVE, MILAN E INTER COINVOLTE – Poco fa è arrivato il primo grande vero attacco frontale alla Superlega europea. Tale nuova competizione sarebbe un nuovo torneo al quale parteciperebbero solamente le squadre d’elite del calcio europeo, provenienti dal campionato inglese, spagnolo ed anche italiano. Tra le società interessate nel nostro Paese, ci sono Juventus e Milan su tutte, ma anche l’Inter: di fatto, la Superlega avrebbe la funzione di riunire i top club in un solo campionato, per questioni essenzialmente economiche, di marketing e di brand. La UEFA, poco fa, ha dunque emesso un durissimo comunicato contro tale iniziativa: ecco le minacciose parole del massimo organo calcistico europeo dopo l’ufficialità della Superlega.

Comunicato Superlega, arrivano le minacce della UEFA a chi si unirà all’iniziativa

La Uefa, la Federcalcio inglese e la Premier League, la Federcalcio spagnola e la Liga, la Federcalcio italiana e la Lega Serie A, hanno appreso che alcuni club inglesi, spagnoli e italiani potrebbero aver pianificato di annunciare la loro creazione di una cosiddetta SuperLega “chiusa”. Se ciò dovesse accadere, ci teniamo a ribadire che noi ma anche la Fifa e tutte le federazioni affiliate, resteremo uniti nei nostri sforzi per fermare questo cinico progetto, un progetto che si fonda sull’interesse personale di pochi club in un momento in cui la società ha più che mai bisogno di solidarietà.
Prenderemo in considerazione tutte le misure a nostra disposizione, a tutti i livelli, sia giudiziario che sportivo, al fine di evitare che ciò accada. Il calcio si basa su competizioni aperte e meriti sportivi, non può essere altrimenti.
Come annunciato in precedenza dalla Fifa e dalle sei federazioni, ai club interessati sarà vietato di giocare qualsiasi altra competizione a livello Nazionale, europeo e mondiale e ai loro giocatori potrebbe essere negata l’opportunità di rappresentare le proprie nazionali.
Ringraziamo quei club di altri paesi, in particolare i club francesi e tedeschi, che si sono rifiutati di iscriversi a questa possibilità. Chiediamo a tutti gli amanti del calcio, tifosi e politici, di unirsi a noi nella lotta contro un progetto del genere se dovesse essere annunciato. Questo persistente interesse personale di pochi va avanti da troppo tempo. E quando è troppo è troppo“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Allegri, dietrofront Juve: aspetta il Real Madrid