Lilian Thuram parla di razzismo, e sulle critiche a Pirlo: “Sentirle nei suoi confronti mi fa un po’ ridere…”

Pubblicato il autore: Andrea Rao

Lilian Thuram

Lilian Thuram, intervistato da Sky Sport, ha rilasciato importanti dichiarazioni a sostegno di Andrea Pirlo. Nel corso dell’ intervista con il giornalista, l’ex difensore della nazionale francese ha espresso anche la sua opinione sulla tematica del razzismo nello sport e nella società in generale. Vecchia conoscenza del calcio italiano, ha disputato oltre 300 gare ufficiali in serie A con le maglie di Parma e Juventus.

Lilian Thuram: “Pirlo è alla prima esperienza da allenatore…”

L’ex giocatore francese prova a fare un bilancio della prima esperienza di Andrea Pirlo al timone della Vecchia Signora: “Pirlo è alla prima esperienza da allenatore. Non gli si può chiedere di farlo come se avesse già dieci o quindici anni di esperienza. Zidane quando divenne allenatore del Real Madrid non era alla prima esperienza assoluta: l’aveva già fatto nelle giovanili ed era stato il secondo di Mourinho e Ancelotti. Esiste una cosa che si chiama ‘Fare esperienza’, e lui la sta facendo adesso. Non gli si può chiedere di sapere già fare tutto.”

“La gente che parla di razzismo non conosce il razzismo…”

Il francese ha espresso il suo pensiero sul razzismo, piaga che recentemente ha anche riguardato il calcio italiano ed ha affermato: “Cosa vuol dire essere bianco o nero? Dietro c’è una storia. La cosa che mi fa arrabbiare è che la gente che parla di razzismo non conosce la storia del razzismo. Inoltre la maggior parte delle persone che vogliono che le cose cambino all’interno della società non vogliono ascoltare le persone che soffrono di discriminazioni razziali. Bisogna parlarne e denunciare gli atti di razzismo.”. Poi prosegue: ” Ogni volta che accadono certi tipi di eventi si dice ‘Non deve succedere mai più, ma poi non cambia nulla. Credo che per il mondo del calcio lottare contro il razzismo non sia la cosa più importante: si pensa solo a dare una buona immagine di sè”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Taddei: "Da romanista fracico vorrei CR7. Marquinhos era molto convinto ma non faceva il fenomeno"