Padova sconfitto a Trieste: vetta a rischio per i biancoscudati

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

Dopo tre vittorie consecutive, il Padova cade nuovamente in trasferta. Non è roboante come la sconfitta di Matelica del 14 marzo (4-1 per i padroni di casa) ma è comunque uno stop che brucia, visti i contemporanei successi di Sud Tirol e Perugia. Ora la squadra guidata da Mandorlini ha solamente due punti in più rispetto alla seconda classificata, la compagine sudtirolese guidata da Stefano Vecchi.
La partita
La Triestina ha un buon ruolino di marcia in casa: 9 vittorie su 16 gare. E’ però una squadra in emergenza, dopo la sosta forzata causa virus. Con il Padova ottiene il 13° risultato utile consecutivo. L’ultima sconfitta degli alabardati infatti, è datata 23 gennaio, guarda caso in casa del Matelica, ultimo giustiziere dei biancoscudati: un cerchio che pare chiudersi, quindi. Pillon, ex di turno, inventa un buon 4-4-2 che imbriglia il Padova. Mattatore del primo tempo, nelle file avversarie, è stato Mensah, che ha servito, al 15′, Rizzo, che si è però visto ribattere la conclusione da Dini. Dopo questa fiammata, gli ospiti prendono il sopravvento come mole di gioco profusa, senza però far male. Anzi, sono i padroni di casa, in chiusura di tempo, a sfiorare la rete con Maracchi. Al 65′ il gol-partita: angolo di Lepore, tocco di Mensah per Gomez che in tuffo mette la palla nell’angolino, non senza aiutarsi con la mano. Le proteste però non hanno avuto esito: il direttore di gara, Cascone di Nocera Inferiore, ha convalidato la rete. Per il Padova è la sesta sconfitta stagionale, quarta in trasferta.
Il campionato
La vittoria della Triestina ha riaperto la corsa alla B: due punti sono pochissimi per poter dormire sonni tranquilli e il prossimo turno potrebbe essere già decisivo. Mancano solo quattro partite e il Padova dovrà evitare ulteriori passi falsi. Domenica prossima la squadra di Mandorlini affronterà il Gubbio, reduce da un pesante (0-4) rovescio casalingo patito con il Carpi: i toscani occupano comunque una posizione tranquilla di classifica, a quota 44. La gara pare essere alla portata del Padova. Il Sud Tirol invece affronterà in casa la Virtus Verona mentre il Perugia di mister Caserta affronterà, per un bizzarro scherzo del destino, proprio la Triestina di Pillon: che l’ex allenatore biancoscudato sia in grado di fare un piacere alla sua ex squadra?
Dopo la vittoria della Ternana nel girone C, si prepara un finale mozzafiato per i due gironi rimasti.

Leggi anche:  Brasile: l'Atlético Mineiro trionfa dopo 50 anni
  •   
  •  
  •  
  •