Torino corsaro ad Udine: Belotti sbanca il Friuli

Pubblicato il autore: massimiliano granato Segui

Quarta vittoria esterna per il Torino, che al momento distanzia la diretta inseguitrice Cagliari di cinque punti. I sardi dovranno giocare oggi, domenica 11 aprile, alle 12.30 in casa dell’Inter: non proprio una passeggiata. Il paradosso, in casa granata, è che sui 27 punti ottenuti, ben 16 sono provenienti da gare esterne: insomma, “nemo profeta in patria “.
La partita
Davide Nicola conferma sostanzialmente l’undici che ha pareggiato in casa della Juventus ad eccezione del portiere: assente Sirigu, a difendere la porta è stato schierato Milinkovic-Savic, che non ha affatto demeritato. Il Torino scende in campo forte anche della sconfitta interna del Parma ad opera del Milan: un risultato che tiene i ducali lontani dalla squadra granata già di tre lunghezze, che potrebbero diventare di più. Il primo tempo è piuttosto equilibrato, con le due squadre che hanno occasioni buone, senza però sfruttarla a dovere: al 21′ Sanabria non riesce ad intercettare un cross di Belotti a pochi passi da Musso. Al Toro potrebbe andare bene anche un pareggio, se non altro per tenere identiche le distanze, con meno giornate da disputare. I friulani hanno Llorente come unica punta ma è De Paul a fare il diavolo a quattro, senza però pungere. Molina avrebbe la palla del vantaggio, ma la spreca. Il pari sembra logico. L’equilibrio si spezza al 60′ con il rigore di Belotti, che torna alla rete dopo sette turni di digiuno: era infatti dal 6 febbraio che la punta non segnava. Si moltiplicano i cambi: Nicola inserisce Zaza mentre Gotti dà spazio a Okaka. L’assalto finale dei bianconeri serve a nulla: al 70′ Izzo sfiora persino il raddoppio. Con una gara in meno, il Torino sta per eguagliare il bilanciamento tra punti (27) e partite (29); per l’Udinese si tratta della terza sconfitta consecutiva. Dodicesima rete stagionale per Belotti. Resterà o cederà alla tentazione di vestire altre maglie? Milan e Roma aspettano.
Il campionato
Ora il Torino attende la gara di San Siro, dove si sfideranno appunto Inter e Cagliari. Ormai fuori gioco il Crotone, sconfitto (in rimonta) a La Spezia, pare esserci una sfida a tre per la salvezza, visto che il Parma appare ancora in gioco, nonostante il pesante ko inflittogli dal Milan. Un eventuale successo della squadra di Conte consentirebbe, almeno per una giornata, di mantenere appunto,  un distacco di cinque lunghezze tra i granata e i sardi. Il prossimo turno, infatti, sarà da brividi: la squadra di Nicola ospiterà la Roma mentre ci sarà lo scontro tra Cagliari e Parma. Un eventuale successo ospite rilancerebbe le speranze dei ducali di risalita mentre un successo degli isolani potrebbe estrometterli dalla lotta salvezza. Sarà utile preparare al meglio una difficile gara, onde evitare una significativa riduzione dei punti di vantaggio per i granata. In attesa naturalmente dei verdetti inerenti alle gare con la Lazio. Tutta Torino granata spera.

Leggi anche:  Superlega: la UEFA fa pace con 9 club. Le sanzioni erogate
  •   
  •  
  •  
  •