Inter, Moratti: “Con Zhang messaggi toccanti. Spiace per Agnelli”

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui


L’ex presidente dell’Inter, Massimo Moratti, parla del trionfo della sua ex squadra con la vittoria del suo 19esimo scudetto. Uno scudetto storico quello che i nerazzurri andranno a cucirsi sul petto. Un anno intenso ed emozionante a Milano. L’ex patron ne ha parlato alla Gazzetta dello Sport, da Conte che ha meriti ai messaggi che ha scambiato con Steven Zhang fino al dispiacere per Agnelli.

Inter, la gioia di Massimo Moratti

Massimo Moratti affida molti dei meriti di questo grande traguardo ad Antonio Conte, l’uomo che ha fatto la differenza. I meriti di questo scudetto sono in una percentuale altissima di Antonio Conte. Ha dimostrato una tenacia e una continuità incredibile. Ci ha creduto per primo e ha continuato a crederci, sempre. E’ entrato nel cuore dei tifosi, quando ci metti passione come fa lui, è inevitabile. E’ riuscito ad entrare nei cuori dei tifosi dell’Inter”. 

Moratti ha scambiato diversi messaggi con Steven Zhang, grazie al quale l’Inter ha avuto modo di crescere e tornare tra le grandi, aprendo un nuovo ciclo. L’ex patron nerazzurro dichiara: “A Milano il Gruppo Suning ha fatto bene. Gli acquisti sono stati uno sforzo notevole e sono stati tutti positivi. È stata riorganizzata la società in modo che potesse rispondere ai doveri e, soprattutto, ha fatto la cosa più importante e difficile: tornare a vincere“. 

Infine l’ex presidente dell’Inter ha avuto modo di esprimere anche qualche parole per il presidente della Juventus Andrea Agnelli. Moratti: “Mi dispiace perché l’hanno martellato tutti e in fondo veniva da 9 scudetti consecutivi, ma Agnelli (con Perez) ha fatto un gran pasticcio, sbagliando comunicazione e tempi. I paragoni con basket e F.1 non hanno senso. Il calcio è passione e sentimento. Lo spettacolo per la gente viene dopo”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Alessandro Antinelli in esclusiva a Supernews: "Euro 2020, la Francia è favorita ma l'Italia deve arrivare tra le prime quattro. Ecco la mia opinione su Pirlo e sulla finale di Coppa Italia"