Bologna-Arnautovic c’è l’accordo: per la difesa uno tra Lyanco e Benatia

Pubblicato il autore: Walther Bertarini Segui


Giovedì sera il ds del Bologna Riccardo Bigon e il responsabile scouting Marco Di Vaio si sono recati ad Amsterdam per fare visita a Marko Arnautovic, impegnato negli Europei con l’Austria. Dal momento che il giocatore era squalificato per la partita contro l‘Olanda (vinta 2-0 dagli orange), si è approfittato dell’occasione per mettere nero su bianco gli ultimissimi dettagli di un “lauto” contratto: un triennale con opzione per il quarto anno a circa 2,5 milioni a stagione: un colloquio molto cordiale con il giocatore che ha confermato la disponibilità di vestire la casacca rossoblù. Nel frattempo il fratello-agente Danijel sta tuttora trattando lo svincolo dallo Shangai Port FC in merito allo svincolo, per la cui ufficialità manchi solo l’ok dei cinesi per la buonuscita richiesta dai fratelli Arnautovic. Una buona notizia per Mihajlovic che finalmente abbraccerà la sua punta richiesta da due anni.

Leggi anche:  Roma, sfuma Xhaka: nuovo obiettivo per Tiago Pinto e Mou

                        Chi arriverà in difesa?

Non  è un segreto che il Bologna e Mihajlovic siano interessati a Lyanco del Torino, ma tra domanda e offerta rimane una certa distanza. Il presidente Urbano Cairo, vorrebbe inserire nella trattativa Orsolini, ma i capi rossoblù lo lascerebbero andare solo a certe cifre e il Torino non vorrebbe sborsare. I granata avrebbero messo sul piatto l’attaccante Zaza, ma al Bologna non interessa: si sa che trattare con Cairo non è facile e l’alternativa sarebbe pagare l’intero cartellino del giocatore. Dovesse rimanere la trattativa in una lunga fase di stallo, ecco che il Bologna virerebbe su Medhi Benatia: il giocatore, con un passato alla Roma, Udinese e Juventus, si sarebbe svincolato dall‘Al-Duhail, ma chiede 2 milioni netti per l’ingaggio.

Leggi anche:  LIVE Lukaku-Chelsea: offerta monstre all'Inter, gli sviluppi minuto per minuto

Infine i rossoblù stanno trattando per il riscatto di Valentin Antov, arrivato nel mercato di gennaio e impiegato poco da Mihajlovic peraltro in situazioni non facili. Il Bologna non se la sentirebbe di sborsare 3 milioni per un giocatore  che deve dimostrare ancora tanto e per questo sta cercando col CSKA Mosca di trattare per un altro prestito magari ritoccando le cifre al rialzo: se ne saprà di più nei prossimi giorni, altrimenti il giovane difensore tornerà in patria. Tutto a posto per Adama Soumaoro dove il Bologna ha esercitato il riscatto versando 2 milioni nelle casse del Lille.

Se per quanto riguarda l’attaccante la faccenda è quasi risolta (ancora le firme sui contratti non ci sono), per il difensore servirà ancora un po’ di pazienza, ma va apprezzato l’impegno della società che si è mossa per tempo per cercare di colmare queste due  lacune.

  •   
  •  
  •  
  •