Le parole Florenzi su Mbappè: “Neanche alla play station è facile da marcare”

Pubblicato il autore: Alessia Pina Alimonti Segui

Florenzi su Mbappè
Dal ritiro a Coverciano l’ex romanista parla di Mbappè suo compagno di squadra al PSG. Sono parole di stima quelle di Florenzi su Mbappe, il calciatore, infatti, crede che l’attaccante francese sia l’asso nella manica dei Galletti. Il terzino ha anche commentato le voci di mercato che vedono Donnarumma vicino a Parigi ed è convinto che questa Nazionale ha più qualità di quella di Conte.

I commenti di Florenzi su Mbappe

Gli Europei stanno per iniziare e non mancano i primi pronostici sulle varie squadre. A fare un pronostico sulla Francia è Florenzi, dopo un anno al PSG, conosce l’ambiente e crede che i Galletti siano i favoriti. Il calciatore ha, infatti, dichiarato: “La Francia è favorita a questo Europeo non solo perché ha vinto il titolo mondiale ma anche perché ha Mbappè, l’ho visto tutto l’anno e posso dire che è il giocatore più forte del torneo e forse adesso del mondo“. Per l’ex romanista è difficile fermare l’attaccante. Al riguardo ha detto: “Solo giocando da squadra si può fermare Mbappè. Qualche volta in allenamento sono riuscito a fermarlo, ma mica sempre. Neanche alla play station è così facile da marcare“. Dopo la battuta, Florenzi torna serio e commenta le indiscrezioni di calciomercato secondo cui Donnarumma sarebbe vicino al PSG. Il terzino ha affermato: “Gigio non ha bisogno di consigli, la vita è sua, il lavoro è suo e le decisioni sono sue, io posso dire che questo anno trascorso mi ha reso un giocatore migliore“.

Leggi anche:  Zhang incontra Sala ed assicura continuità all'Inter

Gli Europei secondo Florenzi

Il calciatore è carico e ottimista sugli Europei. Sulla Francia favorita precisa: “Vincere non è così scontato, neppure per la Francia, ci sono anche altre nazionali forti che possono insidiarla, e fra queste ci siamo anche noi“. Florenzi ha fiducia nei suoi compagni, tant’è che ha detto: “Questa Italia ha più qualità di quella di Conte del 2016, però tutto questo va dimostrato: se usciremo dal girone avremo fatto peggio di cinque anni fa. Quindi per dimostrare di essere più forti dovremmo almeno superare i quarti di finale“. Anche secondo un sondaggio, infatti, l’Italia può arrivare in semifinale. Il terzino prosegue facendo i complimenti anche a De Rossi. Sull’ex capitano della Roma ha dichiarato: “Ha davvero tutto per diventare un grande allenatore. Non mi riferisco solo alle basi calcistiche, parlo anche di empatia. In serie A ci sono molti allenatori che riescono ad entrare dritti nella testa di giocatori e questo conta spesso più della tattica. De Rossi già ci riusciva quando giocava e sono certo che succederà anche da allenatore. Mi piacerebbe un giorno essere allenato da lui, sennò fare il suo collaboratore. Qualcosa ci inventeremo“.

  •   
  •  
  •  
  •