Women's Champion League: chi incontreranno le italiane?

Si cominciano a scaldare i motori. Nonostante molte calciatrici siano ancora in vacanza in giro per l'Italia e l'Europa, iniziano i preparativi per la prossima intensa stagione che vedrà protagoniste le nostre squadre. Juventus e Milan saranno impegnate prima dell'inizio del campionato nei turni preliminari della Women's Champion League. Le finali sono previste una settimana prima dell'inizio della serie A  indicato per il 29 agosto. Le vincitrici accedono alla fase a gironi che avrà inizio nel mese di ottobre

I mini tornei della Women's Champion League

Quella che inizia in questa stagione è una nuova formula della Women's Champion League. La fase a gironi composta da 16 squadre, è preceduta da un turno preliminare composto da semifinali e finali per due diversi percorsi: Campioni e Piazzate ovvero squadre vincitrici dello scudetto e le seconde classificate. Il 18 agosto si giocano le semifinali mentre il 21 agosto le due finali che assegneranno il primo posto. 43 squadre divise in 11 piccoli gironi, le vincenti passeranno al secondo turno.

Leggi anche:  Europeo, dal 1980 ad oggi: quanto conta vincere il girone per alzare il trofeo? Quasi la metà delle vincitrici non è arrivata prima nel proprio raggruppamento

La Juventus Women ha pescato il girone 8 del percorso Campioni dove dovrà scontrarsi con il Kamenica Sasa squadra macedone, l'altro accoppiamento è formato dalle austriache del St Polten e le turche del Besiktas. Il Milan invece nel percorso Piazzate è inserito nel gruppo 1 e giocherà contro il Zurigo. L'altra coppia è formata dall'Hoffenheim e il Valur. Sulla carta pronostico meno favorevole per la squadra milanese. Sicuramente però per entrambe un passaggio del turno possibile.

Qualora questo accadesse, per il secondo turno verrebbe giocata l'andata il 31 agosto e il ritorno l'8 e il 9 settembre. Una Women's Champion League che quest'anno può avere un sapore particolare per la Juventus poichè la finale del 22 maggio 2022 si giocherà proprio a Torino. Importante quindi per la squadra bianconera partire subito con il piede giusto

Leggi anche:  Europeo, dal 1980 ad oggi: quanto conta vincere il girone per alzare il trofeo? Quasi la metà delle vincitrici non è arrivata prima nel proprio raggruppamento