Vlahovic strepitoso: tripletta sullo Spezia e la Fiorentina vola


Il serbo Vlahovic incanta all'Artemio Franchi con una tripletta che regala i tre punti alla Fiorentina.

Vlahovic si dimostra un uragano sullo Spezia, di Thiago Motta prendendosi tutta la scena. Dopo aver scaraventato tre volte il pallone alle spalle di Provedel, se lo porta a casa. L'attaccante della Fiorentina si trova nel suo momento migliore, e la squadra lo aiuta dominando la gara e portando a casa la vittoria per rimanere agganciati al treno europeo.

Vlahovic sorprendente, ammonito nel finale

Inizialmente si assiste ad una partita equilibrata, con la Fiorentina in pressione. Il primo gol per i padroni di casa arriva al 44' su rigore, dopo verifica del VAR: Gyasi salta in area con la mano alta. E' Vlahovic a calciare dal dischetto e a spiazzare il portiere.
Nell'intervallo, dopo una rivoluzione della squadra da parte di Motta, lo Spezia continua continua a soffrire la qualità dei viola, e al 62' subisce la seconda rete da parte di Vlahlovic. Il Franchi esulta, ma non finisce qui, perché al 74' l'attaccante serbo sorprende tutti anticipando grazie al prelibato assist da destra di Callejón.
Dopo l'ultima palla messa dentro, Vlahlovic si toglie la maglia durante l'esultanza e viene ammonito.

Ad attendere la Fiorentina nella prossima partita ci sarà la Juventus all'Allianz Stadium.

Italiano e la sua partita da ex

Al Franchi è andata in onda la prima gara da ex per il tecnico della Fiorentina che nella giornata di ieri aveva definito la partita con lo Spezia come una partita diversa dalle altre dal punto di vista emotivo. Vincenzo Italiano ha infatti passato due anni irripetibili, che si porta dentro. Due anni in cui ha conosciuto un ambiente fantastico, fatto di persone stupende. Tuttavia, prevaleva la voglia di riscattarsi dopo la sconfitta con la Lazio.

L'allenatore della Fiorentina ha commentato il trionfo di questo pomeriggio: "Abbiamo reagito alla sconfitta di mercoledì, ci tenevamo. I ragazzi sono stati bravi con l'approccio, hanno messo in campo la personalità che vogliamo mostrare sempre. Sono contento perché siamo stati bravi nella rifinitura e negli assist, così come sono contento della tripletta del nostro attaccante. Adesso è presto per parlare di Europa, continuiamo ad avere altri e bassi: parlare di obiettivi è presto. Dobbiamo crescere e migliorare, siamo in una bella posizione di classifica, poi vedremo. Ma se continuano con questo spirito possiamo ottenere qualcosa di importante".

Sulla prova di Vlahovic: "Per gli attaccanti il gol è linfa vitale, e quando non fai un gol un po' di entusiasmo viene a mancare. Quando poi ne realizzi tre non vedo l'ora sia martedì per vedere la voglia di Vlahovic di preparare una partita difficile come quella di sabato".