Lautaro Martinez: “La sconfitta? Colpo duro per noi…”

Pubblicato il autore: Andrea Rao

Lautaro Martinez Liverppol

 

Lautaro Martinez da eroe a voce degli sconfitti. Il centravanti nerazzurro, autore dell’illusorio vantaggio nella partita di stasera contro il Liverpool, ha fatto il punto della situazione ai microfoni di Sportmediaset. In particolar modo ha analizzato gli errori commessi dalla sua squadra ed individuato i punti deboli su cui il collettivo interista deve lavorare per vincere. Infatti allo stato attuale sono soltanto due gli obiettivi che l’Inter deve tentare di raggiungere a tutti i costi per chiudere nel migliore dei modi la stagione: Scudetto e Coppa Italia.

Lautaro Martinez: “In Champions decidono i dettagli”

El Toro, al termine della trasferta in terra britannica, ha rilasciato delle dichiarazioni da cui si può evincere tutto il suo rammarico per l’impresa sfiorata: “Sicuramente è un colpo duro per noi” afferma con amarezza. “Abbiamo fatto due gare di livello a San Siro e oggi, loro hanno giocatori di qualità ma noi abbiamo fatto il nostro lavoro con umiltà“. Poi ha continuato facendo luce su ciò che deve essere corretto: “Dopo il gol era arrivato un forte entusiasmo, poi prendiamo l’espulsione come a Madrid. Questi sono dettagli che costano le partite, dobbiamo migliorare in questi aspetti perchè in Champions questi dettagli decidono“.

“Abbiamo giocato con carattere e determinazione”

Il centravanti dell’Inter fa fatica ad accettare quanto accaduto stasera: “All’andata abbiamo fatto 70 minuti importanti, e abbiamo creato tante situazioni per fare gol poi abbiamo preso due gol che potevamo evitare. Oggi abbiamo giocato con carattere e determinazione, ma non è bastato. Questi sono dettagli che decidono. Un punto di partenza? Speriamo, noi lavoriamo per portare l’Inter sempre in alto. Ora dobbiamo pensare a Coppa Italia e campionato”. La squadra di Inzaghi dovrà riscattarsi a partire già da domenica, nel match di Torino contro i granata.

Leggi anche:  Calhanoglu in campo zittisce il pubblico rossonero dopo gli insulti ricevuti

 

  •   
  •  
  •  
  •