Buffon: “Se l’Italia si fosse qualificata al Mondiale in Qatar, non credo che io sarei stato convocato. La meritocrazia è dalla mia parte”

Pubblicato il autore: Veronica Pecorilli

Dichiarazioni Buffon

Dichiarazioni Buffon direttamente su La Stampa, rivelatosi tra i migliori portieri all’età di 44 anni. L’attuale portiere del Parma è pronto a fare una importante dichiarazione, inaspettata: “Se l’Italia si fosse qualificata al Mondiale in Qatar, non credo che io sarei stato convocato. La meritocrazia è dalla mia parte, ma ci sono altri discorsi a cui dare precedenza e rispetto. Considerando le scelte degli ultimi anni, è giusto così“.

Dichiarazioni Buffon: “Nelle difficoltà sappiamo far blocco”

Gianluigi Buffon prosegue: “Già nel 2010 in Sudafrica, dopo l’eliminazione con la Slovacchia, osservai che la globalizzazione stava cambiando valori e gerarchie e che avremmo dovuto cominciare a festeggiare anche le qualificazioni. Da allora abbiamo avuto illusioni e momenti di gloria come l’Europeo, ma non avevo sbagliato: caratterialmente siamo unici, perciò nelle difficoltà sappiamo far blocco e andare fuori giri, quando però c’è calma ci mancano qualità e spavalderia.

Ipermotivati diamo il massimo, altrimenti possiamo perdere con chiunque. Donnarumma? Il tempo e le prestazioni leniranno tutto. Certo, dopo momenti così non è più concessa nessuna sbavatura, ma ci siamo passati tutti: con la sua bravura non avrà altri impicci“.

Leggi anche:  VIDEO. Coppa Italia Serie C, Foggia-Catanzaro 2-0. I gol della sfida dello Zaccheria

Il divorzio tra Dybala e la Juventus

Non me l’aspettavo, ma la società è stata onesta e diretta, spiegando che non è più funzionale al progetto. Non gli hanno rinnovato il contratto per questo, non certo perché lo ritengono scarso: Paulo troverà altrove l’opportunità di fare grandi cose, ma non vorrà dire che la Juve ha sbagliato“.

Buffon aggiunge: “Vlahovic è dominante per fisico, qualità, forza, rabbia. Mi piacciono Zapata e Lautaro. E Ibrahimovic, che a 40 anni può vincere ancora da solo“.

  •   
  •  
  •  
  •