Torino: il gol è smarrito, di chi la colpa?

Pubblicato il autore: Andrea Milano

Il Torino nel mese di settembre (la prossima giornata ci sarà la pausa del campionato) ha segnato solamente un gol, seppure da 3 punti, nella gara giocata a inizio mese contro il Lecce.   Sei sono i gol totali in sette partite di campionato, uno nelle ultime tre gare. Trend negativo da sottolineare quello della squadra di Juric, soprattutto dopo la partita persa 0-1 ieri contro il Sassuolo. Gli attaccanti faticano a trovare la via della rete e di conseguenza il risultato pieno fatica ad arrivare. Questo è veramente un peccato per una squadra come quella granata.

Non arriva il gol per gli attaccanti del Torino

L’ultimo gol segnato da un centravanti del Torino risale al minuto 66 di Monza-Torino, ossia la prima giornata di campionato datata 13 agosto. Ciò non vuol dire che la colpa è solamente degli attaccanti, ma in parte è così, i numeri non sono dalla loro parte. Anche Juric con i suoi continui cambi nel fronte offensivo non ha contribuito alla continuità di rendimento degli stessi. Ieri il Torino si è presentato senza centravanti di ruolo, con Vlasic dietro agli adattati Seck e Radonjic. Sanabria e Pellegri, le due punte pesanti, relegate in panchina e subentrate insieme dopo 58 minuti di gioco senza però incidere. Che questo continuo cambiare da parte di Juric e la poca concretezza degli attaccanti stessi non sia la chiave di lettura dei soli 6 gol segnati dal Torino?

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Coppa Italia di Serie C: avanti Foggia, Virtus Entella, L.R. Vicenza e Juventus Next Gen