Ferrarese a SN: “Il Napoli può vincere e il Verona può salvarsi. Vi svelo come ho portato Maicon in D”

Pubblicato il autore: Enzo Palo


SuperNews ha avuto il piacere di intervistare Claudio Ferrarese. L’ex calciatore nella sua lunga carriera ha vestito diverse maglie, tra le quali: Napoli, Salernitana, Torino e Verona. Proprio con i colori gialloblù ha totalizzato più presenze e quest’anno crede nelle possibilità di salvezza della squadra Veneta. Claudio Ferrarese oggi è un Direttore Sportivo e proprio in queste vesti è riuscito a portare un calciatore del calibro di Maicon in Serie D. Ci racconta come ha realizzato questa, probabilmente irripetibile, operazione di calciomercato.

Benvenuto Claudio Ferrarese. Sei cresciuto nelle giovanili del Verona e proprio quella gialloblu è la maglia che hai indossato di più nella tua carriera. Secondo te quest’anno la squadra di Zaffaroni può salvarsi?

Lunedì ero allo stadio e ho visto un buon Verona contro una Cremonese non facile da affrontare. Io sono convinto che il Verona può farcela. È chiaro che i punti di distanza sono tanti e ci sono buone squadre davanti però qualche speranza c’è. Non dimentichiamo cosa ha fatto la Salernitana l’anno scorso. Sarà fondamentale non fallire gli scontri diretti.

Leggi anche:  Juventus-Lazio, non ci sarà Pogba: ancora problemi per il francese

Hai nominato la Salernitana, un’altra squadra in cui hai giocato. Secondo te, dopo lo scorso campionato e l’attuale stagione, è giusto mettere in discussione Nicola?
Quando le cose non vanno bene i primi a pagare sono sempre gli allenatori e la trovo una cosa ingiusta. Poi ci sono un Presidente e un Direttore Sportivo che sicuramente sanno quello che non va e percepiscono il termometro della squadra. Oltre ai rumors della stampa, mettere in dubbio Nicola è una scelta sinceramente delicata ma che hanno fatto loro.

Rimanendo in Serie A, ci spostiamo ai vertici della classifica. Hai vestito la maglia del Napoli in quelli che forse sono stati gli anni più bui della squadra partenopea. Oggi è una società diversa e secondo te, quest’anno può arrivare l’ambito Scudetto?
Il Napoli sta facendo qualcosa di straordinario. Non voglio dire niente ma penso veramente che sia l’anno giusto. Hanno perso a Milano con l’Inter ma poi subito hanno vinto a Genova facendo vedere di che pasta sono. Io purtroppo ho vissuto momenti bui a Napoli, mi dispiace molto perché per un calciatore arrivare in azzurro è un sogno.

Leggi anche:  Coppa Italia di Serie D: la Cavese avanza ai quarti di finale

Il Torino, altra maglia indossata da te, ha le potenzialità per lottare almeno per un posto in Conference League?
Li vedo un po’ indietro rispetto alle sette squadre favorite per un posto in Europa però questo è un campionato strano e possono giocarsela. C’è stato un lungo stop e bisogna capire la condizione fisica e il rendimento di tanti calciatori.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Al momento sono Direttore Sportivo e ho una trattativa importante in corso.

Tu sei stato al Sona in veste di Ds e sei riuscito a portare un calciatore come Maicon in Serie D. Ci racconti i retroscena dell’operazione?
E’ stata un’operazione incredibile. Maicon aveva voglia di tornare in Italia e tramite un agente che mi ha dato questa soffiata, io subito mi sono fiondato sull’affare. Non credevo che si potesse avverare una cosa del genere e invece la vicinanza a Milano, i suoi interessi e il fatto di giocare e portare il figlio con noi, sono risultati fattori determinati per la buona riuscita della trattativa. Per me è stata una soddisfazione unica e penso irripetibile nel mondo del calcio.

  •   
  •  
  •  
  •