Raducioiu come Baggio: “Cosa c’era in quelle flebo?”

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino


La morte di Gianluca Vialli e non solo, ha scosso la stabilità di molti giocatori; Raducioiu come Baggio, si chiede cosa ci fosse nelle flebo che faceva. Gli ex giocatori hanno paura ed iniziano a porsi tante domande sul loro passato nel mondo del calcio.

Raducioiu come Baggio: “Chiamerò il mio medico”

L’ex di Bari, Verona, Brescia e Milan, ora 52enne, rumeno, attualmente dirigente sportivo, ha ammesso che i medici che ha avuto in Serie A gli hanno offerto farmaci che venivano presentati come vitamine e glucosio. “Facevo flebo con un liquido rosa. Lo ammetto, ho preso anche delle medicine. Ora chiamerò il medico che ci seguiva a Brescia per capire di più. Per sapere che medicine ho preso a Milano, Brescia, Verona”. La paura per l’ex attaccante è tanta. Le sue dichiarazioni, a Sport Report, su Orange Sport seguono quelle di Dino Baggio.

Leggi anche:  Serie C, dove vedere Juventus Next Gen-Piacenza: diretta TV e streaming live

Florin, continua: “Non sapevamo che cosa stavamo prendendo. Ci è sempre stato detto che si trattava di vitamine, di glucosio. Per tutto il tempo facevamo flebo con questo liquido rosa, alla vigilia delle partite. Lo ricordo perfettamente. Dobbiamo chiederci il perché di queste morti premature. Non è la prima volta che ne parlo, l’ho detto prima e dopo la morte di Gianluca Vialli”. 

  •   
  •  
  •  
  •