La moviola di Lazio-Milan

Il Milan di Pioli batte la Lazio di Sarri 1-0 all'Olimpico, condannando la compagine capitolina ad una classifica del tutto anonima. Ma sull'esito dell'incontro si registrano tante incertezze a livello arbitrale, che andiamo ad esaminare in quest'articolo.

Tanti episodi da moviola in Lazio-Milan diretta da Di Bello, che hanno lasciato strascichi pesanti a livello arbitrale.

Veniamo subito al sodo della questione con gli episodi principali.

La moviola di Lazio-Milan

Al 12' incomprensione tra Florenzi e Maignan, con quest'ultimo che riesce comunque ad allontanare la palla in modo pulito, salvo poi scivolare sul manto bagnato e travolgere Castellanos. L'intervento comunque è inizialmente sul pallone. Ci può stare, quindi, la decisione del team arbitrale.

Al 57' manata evidente di Bennacer a Castellanos, non vista dalla squadra arbitrale. Pellegrini cerca di coprire la palla per guadagnare un fallo laterale e far soccorrere il compagno di squadra. Pulisic gliela porta via ed il terzino biancoceleste lo travolge. Giusto, a termini di regolamento, il secondo giallo ma, per il colpo al volto subito da Castellanos, l'azione andava fermata prima e fischiato un chiaro fallo a favore della compagine capitolina. Forse anche il giocatore del Milan poteva risparmiarsi di continuare a giocare.

Leggi anche:  Italiano e l'unico dubbio di formazione per Olympiakos-Fiorentina

Al 94' rosso diretto per Marusic, per proteste. Episodio che non possiamo giudicare perché tutto sta in cosa ha detto il calciatore all'arbitro Di Bello.

La Lazio chiude in 8, a causa dell'espulsione al 96' di Guendouzi, per condotta violenta, opinabile, su Pulisic, come reazione al suo fallo. Il milanista viene ammonito, lo stesso cartellino avrebbe meritato anche il suo avversario.