Caressa: “Il problema delle squadre italiane in Europa è il pallone”. Polemiche sui social

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui

Caressa
Ennesima brutta annata per le italiane in Champions League. Con la sconfitta per 3-1 contro il Real Madrid nel ritorno degli ottavi di finale (1-0 per i Blancos all’andata), anche l’Atalanta deve salutare la maggiore competizione europea. L’eliminazione della squadra bergamasca segue quella della Juventus, eliminata anche lei agli ottavi dal Porto, e dell’Inter, fuori addirittura dalla fase a gironi. Resta in gioco solo la Lazio, ma solamente per un altro giorno: i biancocelesti giocheranno il ritorno con il Bayern Monaco questa sera e il loro destino è già segnato vista la sconfitta per 4-1 dell’andata. Se si considera anche l’Europa League, ci saranno massimo due squadre italiane (Milan e Roma) ai quarti di finale delle competizioni europee, anche se il Milan dovrà battagliare giovedì con il Manchester United.
Ma perché le italiane non riescono più a farsi valere in Europa? Fabio Caressa ha provato a dare una risposta a questa domanda.

Leggi anche:  Inter, un importante recupero per il Real Madrid: Inzaghi sorride

Caressa: “Pallone meno pesante”. Scoppia la polemica sui social

Il match Real Madrid-Atalanta è stato trasmesso su Sky Sport (oltre che sui canali Mediaset in chiaro) e la telecronaca del match è stata affidata a Fabio Caressa e Beppe Bergomi, la storica coppia che ci ha fatto sognare ai Mondiali in Germania del 2006. Proprio Caressa, nel corso del secondo tempo, al termine di un giro palla del Real Madrid, ha detto: “Il pallone in Italia è meno pesante rispetto al resto d’Europa. È proprio questo il problema, quello che ci sta facendo pagare in Europa”.
Questa frase non è passata inosservata e le polemiche sui social (l’hashtag #Caressa è tra i primi in tendenza) non sono mancate. In molti hanno voluto ribadire che, se le squadre italiane continuano a fare brutta figura in Europa, il problema principale non può essere il pallone. In più, qualcuno ha fatto notare che quest’affermazione è anche sbagliata, visto che in Europa tutti i campionati usano più o meno lo stesso tipo di pallone da gioco.

  •   
  •  
  •  
  •