Allegri post derby: “Gara affrontata con grande responsabilità. Mercato? Serve solo gente da Juve”

Pubblicato il autore: Rocco Menechella
allegri post derbyAllegri post derby. Massimiliano Allegri ha risposto alle domande dei cronisti in conferenza stampa al termine del vittorioso derby di Coppa Italia contro il Torino. Ecco alcuni passaggi significativi.
Stasera quasi la perfezione. Si aspettava l’eliminazione di Roma e Fiorentina?
“Per quanto riguarda la Juventus, innanzitutto la perfezione non esiste. Credo che la Juventus stia attraversando un buon momento, abbiamo ancora da affrontare l’ultima partita della stagione a Carpi domenica, in un orario strano per il campionato italiano. Bisogna mettere subito da parte questo obiettivo, che la squadra ha raggiunto, quello di arrivare ai quarti di finale, vincendo contro un Torino che non ti lascia giocare, che ti crea sempre delle difficoltà. Quindi credo che stasera il merito sia tutto dei ragazzi che hanno affrontato la partita nel migliore dei modi, con grande responsabilità. Poi da domani penseremo alla partita con il Carpi. Per quanto riguarda le altre partite, in Italia, anche quando giochi al giovedì contro una squadra di Interregionale, se non la affronti nel modo giusto rischi sempre di fare una brutta figura. Quindi credo che a maggior ragione ci sia un merito dei ragazzi”.
All’inizio dell’anno ti sei lamentato per alcuni approcci della Juve. Adesso invece cosa è successo? Giochi in Coppa Italia e non la sottovaluti…
“In questo momento la squadra è una squadra omogenea. All’inizio la squadra aveva dieci giocatori nuovi, poi tra infortuni e altro non riuscivano a fare quello che stanno facendo ora. Ci voleva un pochino di tempo. Siamo partiti indietro in campionato, adesso la squadra sta meglio fisicamente, stiamo recuperando tutti gli infortunati, è un bel segnale il fatto che rispetto a domenica ci siano stati cinque giocatori nuovi, quindi vuol dire che anche se cambiano i giocatori, la prestazione della squadra non si abbassa e questo credo sia un fatto molto importante perchè giocando tante partite, una volta ogni tre giorni, è normale che bisogna cercare di recuperare”.
Quanto fa bene la concorrenza a Zaza che segna ogni 73 minuti? Teme che il giocatore chieda di andare in prestito a gennaio?
“Innanzitutto la concorrenza fa bene perchè poi quando si gioca in una grande squadra ci deve essere per forza concorrenza e ci devono essere dei grandi giocatori, altrimenti i grandi risultati non li puoi ottenere. Per quanto riguarda Zaza, credo – e poi anche se lo chiede non gli verrà concesso – che a gennaio non chieda di andare in prestito, anche perchè se è  alla Juventus, lui deve lottare come tutti gli altri che fanno parte della rosa della Juventus, per rimanere alla Juventus, non per andare a giocare da un’altra parte. Perchè se un giocatore vuole restare in una grande squadra per tanti anni, deve abituarsi alla concorrenza. La concorrenza stimola e soprattutto ti porta a fare dei risultati”.
Quando l’hai cambiato, gli hai detto delle cose irripetibili?
“Gli ho detto solamente che nell’ultimo intervento ha rischiato. Il Torino era rimasto in dieci cinque minuti prima, lui era ammonito e in quel momento l’ho tolto. Se Dybala fosse stato pronto prima, l’avrei tolto prima, perchè andare a rischiare di rimanere in dieci su un fallo che ci poteva stare, sarebbe stato da stupidi. Quindi l’ho tolto”.

Juventus pronta a muoversi sul mercato a gennaio?
Ora pensiamo a finire bene l’anno. Sul mercato posso solo dire che se deve arrivare qualcuno deve essere un calciatore da Juve”.

  •   
  •  
  •  
  •