Coppa Italia, Torino-Lecce 3-1: le pagelle dei granata

Pubblicato il autore: Giacomo Morandin Segui


La prima vittoria del Torino di Marco Giampaolo arriva dalla Coppa Italia: i granata eliminano 3-1 al Lecce nel terzo turno, soffrendo tantissimo e passando soltanto ai tempi supplementari; alla squadra di Corini va l’onore e il merito di aver tenuto testa e a tratti messo sotto il Toro.

Passano in vantaggio i pugliesi grazie a un colpo di testa di Stepinski lasciato solo dalla coppia N’Koulou-Lyanco e in dubbio fuorigioco, i granata pareggiano al 30′ grazie a una zuccata proprio del brasiliano, da lì in poi la partita è davvero brutta e molto lenta.
Proprio quando il match sembrava avviarsi verso i rigori, ecco il regalo di Lucioni che colpisce il pallone con la mano su un tiro di Bonazzoli e l’arbitro Piccinini concede il penalty: Verdi realizza al 108′ e si replica al 113′ quando in contropiede corregge in rete il tiro di Edera parato da Vigorito.

Partita deludente dei granata, che comunque mostrano un Singo in forma davvero smagliante mentre la squadra in generale non brilla, compreso Verdi nonostante la doppietta. Buona prestazione di Bonazzoli che tiene in piedi l’attacco in solitaria.
Per Giampaolo la vittoria è ossigeno puro, oltre a riacquistare un po’ di morale e dare continuità all’amaro pari di venerdì contro il Sassuolo: il Torino al 4° turno di Coppa Italia incontrerà quindi l’Entella, che ieri ha eliminato 2-1 il Pisa.

Leggi anche:  Le parole di Conti (vice di Giampaolo) a DAZN : "Torino da manicomio, il problema non è fisico”

Torino-Lecce 3-1: le pagelle

Milinkovic-Savic 6: incolpevole sul gol, si dimostra sicuro nelle uscite e compie un paio di parate importanti.
Singo 6.5: prestazione super del terzino proveniente dalla Primavera granata: ara la fascia e si mostra spesso in attacco creando sempre pericoli dalle parti della difesa salentina, migliore in campo per il Toro.
N’Koulou 5.5: condivide la colpa del gol subìto insieme a Lyanco, per il resto partita di ordinaria amministrazione.
Lyanco 6: media voto tra il gol importantissimo del pareggio e il concorso di colpa con N’Koulou sulla rete di Stepinski. Con l’andare dei minuti prende fiducia ed è sempre in anticipo nei contrasti, se sta bene può essere il titolare.
Murru 5: altra prova incolore dell’ex terzino della Samp, Adjapong dalla sua parte fa quello che vuole e anche in attacco non azzecca un crosso: rimandato. (67′ Meitè 5.5): entra ma non incide sul ritmo partita, anzi si adagia sugli standard del ritmo generale. Deve dare molto di più.
Ansaldi 6: l’unico giocatore granata che salta l’uomo, fa una buona partita da mezzala ma crea di più quando viene spostato a sinistra al posto di Murru. Gioca un po’ col freno a mano, ma è uno dei pochi in grado di creare pericoli. (90′ Rodriguez 5.5): dovrebbe dare più spinta alla manovra offensiva granata ma non aiuta i compagni.
Segre 5: esordio da titolare come regista, bocciato. Ci si aspettava molto da lui, seppur regista puro non lo sia, ma rallenta moltissimo la manovra di gioco del Toro anche a causa della “gabbia” dei giocatori leccesi su di lui e Giampaolo si infuria moltissimo. (90’Rincòn 6): il solito guerriero, bravo a recuperare e lanciare il contropiede da cui nasce il 3-1 del Torino.
Linetty 6: senza infamia né lode, reduce dai 90 minuti con il Sassuolo va un po’ fuori giri e viene sostituito.
(68′ Lukic 6): impiegato nuovamente come trequartista da Giampaolo, a quanto pare sembra il suo ruolo e anche oggi mostra qualità in quella posizione. Non viene clamorosamente servito da Edera nel contropiede del 3-1.
Gojak 6: il grande atteso del match, parte dietro le punte ma sembra essere un po’ in ombra, molto meglio nella seconda parte del secondo tempo da mezzala. L’impegno c’è, ha bisogno ancora di amalgamarsi ai compagni ma la volontà e la qualità nei suoi piedi ci sono. (93′ Edera 5.5): entra bene, ma sbaglia clamorosamente il gol del 3-1 in un contropiede dove c’erano ben tre suoi compagni liberi e lui tira addosso al portiere, poi corregge Verdi ma è un errore imperdonabile.
Verdi 5.5: si, ha fatto doppietta ma non basta. Fino al 108′ è nettamente il peggiore in campo: sbaglia qualsiasi tocco e qualsiasi passaggio, sembra un ectoplasma. Freddo nel segnare il rigore e bravo a correggere in rete nel 3-1, ma è il giocatore che dovrebbe dare una marcia in più e deve dimostrarlo.
Bonazzoli 6: partita “alla Belotti” di sacrificio e voglia, ha anche due buone occasioni ma non le sfrutta bene. Se gioca così e trova il gol, potrebbe davvero guadagnarsi la titolarità, prova di pura sostanza oggi e non molla mai.

Leggi anche:  Torino-Entella, sarà Longo contro Giampaolo?

All. Giampaolo 6: non è per niente contento della partita dei suoi, ma porta a casa vittoria e passaggio del turno. Match da resettare completamente, domenica c’è la Lazio e serve l’atteggiamento visto a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Voto sufficiente per la fiducia, le idee pian piano si concretizzeranno.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,