Nuovi guai per Al Khelaifi, l'accusa di rapimento, sequestro e tortura

Nuovi guai per Al Khelaifi, l'accusa di rapimento, sequestro e tortura
AL KHELAIFI ACCUSA RAPIMENTO - Nuovo filone giuridico per Nasser Al Khelaifi: il Presidente del PSG e dell'ECA, nonché membro del board UEFA è accusato di rapimento, sequestro e tortura.

Al Khelaifi accusa di rapimento da parte di Tayeb Benabderrahmane

Secondo quanto ha riportato L'Équipe, tre magistrati sono stati nominati per verificare le accuse mosse nei confronti del PSG. A muoverle, l'imprenditore franco-algerino Tayeb Benabderrahmane. Una "informazione giudiziaria" è stata aperta dai tre giudici per fare chiarezza su quanto accaduto. L'uomo d'affari franco-algerino, è già indagato a sua volta per traffico d'influenza e corruzione, nell'ambito di un'altra inchiesta in cui lo stesso Benabderrahamane è sospettato di aver tentato di ricattare Al Khelaifi.

La prigione per Tayeb Benabderrahmane

L'informazione giudiziaria è stata rivelata nelle ultime ore, ma è stata avviata in realtà a gennaio. Si tratta di un atto d'ufficio indotto dalla denuncia anche in sede civile di Benadberrahmane dello scorso autunno. Il lobbista di 42 anni, è rimasto per un certo periodo in Qatar, e ha detto di essere stato arrestato nell'emirato e sottoposto a tortura in carceri segrete, per poi essere liberato dopo un accordo sottoscritto con lo stesso Al Khelaifi. Quest'ultimo, secondo quando sostiene Benadberrahmane, si sarebbe impegnato a non diffondere le informazioni personali sensibili.

Il periodo di fermo in Francia per Benadberrahmane si è verificato perché è sospettato dagli inquirenti parigini di aver ottenuto documenti privati in modo illegale, tramite ex collaboratori del PSG e del Presidente Al Khelaifi, e di aver dunque tentato di ottenere denaro in cambio.
In autunno, le due parti erano state invitate a una mediazione. Tayeb ha fatto causa anche ai suoi ex avvocati, scagionati dagli organi disciplinari di categoria, accusandoli di non aver difeso sufficientemente i suoi interessi.