Keane difende Pogba e accusa altri due giocatori

Pubblicato il autore: Ettore Culicetto Segui

Di recente Paul Pogba è finito nell’occhio del ciclone a causa di alcune prestazioni giudicate al di sotto delle aspettative, tanto che in occasione della partita di Champions League contro il Siviglia Mourinho ha preferito schierare al suo posto il giovane McTominay.

Si è parlato di mal di pancia del francese, di litigi con il mister, nonché di nostalgia di Torino, e in questo contesto le critiche non hanno tardato ad arrivare considerando la cospicua spesa che ha dovuto affrontare il Manchester United per riportarlo all’Old Trafford, ma quando nessuno sembrava essere disposto a prendere le sue parti, è intervenuto uno storico capitano dei Red Devils, uno che probabilmente sotto certi aspetti potrebbe essere considerato l’anti-Pogba, vale a dire Roy Keane. L’ex centrocampista infatti, presso ITV sport, avrebbe dichiarato che a suo avviso Paul Pogba è un giocatore veramente molto forte, sebbene dovrebbe riuscire a portare sul campo la stessa personalità che ha sui social network, aggiungendo d’altro canto come nei suoi confronti ci sia davvero troppa pressione.

Keane, giudicando i recenti risultati dello United, ha affermato che sia troppo facile prendersela solamente con Pogba, il quale indubbiamente dovrebbe dare di più in mezzo al campo, ma che allo stesso tempo non può e non deve diventare il capro espiatorio di una stagione che sta regalando poche soddisfazioni ai tifosi dei Red Devils. In questo senso infatti, il francese rischia di diventare uno scudo a vantaggio di altri due giocatori che secondo Keane stanno decisamente deludendo le aspettative, ossia Lukaku e Sanchez, aggiungendo che il reparto difensivo della squadra, sebbene sia stato quello che ha subito meno gol in Premier League, avrebbe bisogno di essere rivisto con qualche nuovo investimento.

Mai banale dunque l’ex capitano dei Red Devils, capace di entrare duro sia dentro che fuori dal campo, e chissà che in questo momento così delicato per la stagione del Manchester United i giocatori da lui imputati non possano trovare maggiori stimoli dalle critiche di una leggenda del club come Keane: la stagione è ancora lunga, e sebbene la lotta per la Premier League sembri essere virtualmente chiusa, gli uomini di Mourinho potrebbero riuscire a ottenere risultati positivi in Champions League e FA Cup, fermo restando l’importanza di riuscire a conservare la seconda posizione dagli assalti di Liverpool, Chelsea e Tottenham.

  •   
  •  
  •  
  •