Milan, si cerca l’aiuto di Berlusconi. I cinesi che fine hanno fatto?

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
Niente sembra essere cambiato in casa Milan nonostante le tanto diffuse voci di cessioni della società al gruppo imprenditoriale cinese. A decidere le mosse di mercato della società rossonera sono sempre Adriano Galliani e Silvio Berlusconi. Lo testimonia l’incontro avvenuto ieri ad Arcore tra i due nel corso del quale l’amministratore delegato ha cercato di fare pressioni su Berlusconi per cercare di sbloccare alcune trattative che al momento risultano bloccate a causa della situazione di stallo che si è venuta a creare proprio nella trattativa per la cessione della società. Il Milan ha necessità di denaro liquido e se Bacca si fa fatica a piazzare ed i cinesi tardano ad arrivare ecco che Galliani ha provato a fare affidamento alla “passione” di Berlusconi per tentare di sbloccare un mercato fino ad ora di basso livello.

Bacca ed i cinesi. Galliani cerca l’aiuto di Berlusconi
Nonostante le voci di milioni, tanti milioni, da investire sul mercato che dovrebbero arrivare dai cinesi il mercato del Milan, almeno in questa fase, sembra poggiarsi esclusivamente su una delle più antiche leggi economiche. Vendere ed incassare prima di reinvestire sul mercato. L’unico pezzo pregiato della rosa del Milan sul mercato è il colombiano Carlos Bacca che però il Milan sta facendo fatica a piazzare a causa anche delle resistenze del giocatore. L’attaccante infatti aspira ad un club in grado di garantirli una vetrina internazionale ( magari la Champions League) e fino ad ora le squadre che si sono fatte avanti con maggiore decisione non sono in grado di assicurare tutto ciò. In particolare il West Ham, pronto a mettere sul piatto un’offerta da trenta milioni di euro. Bacca, quindi, rimane in stand by e con lui i soldi che dovrebbero sbloccare il mercato del Milan. Alla luce di questa difficoltà Galliani ha provato a convincere Berlusconi ad impegnarsi in prima persona per superare questa fase di stallo e consentire al mercato del Milan di trasformarsi in azioni concrete. La rosa di mister Montella ha bisogno di alcuni rinforzi che lo stesso tecnico ha già individuato ma tutte le trattative si sono al momento bloccate proprio a causa dell’assenza di liquidità da parte del Milan. In particolare Galliani avrebbe sollecitato Berlusconi a sbloccare la trattativa per Musacchio, il difensore del Villareal che tanto piace a Montella e che il Milan segue ormai da diverse settimane. Entro qualche giorno il mercato del Milan potrebbe arrivare ad un punto di svolta. O si procede con la cessione del club ai cinesi o sarà ancora una volta Berlusconi a dover guidare ed orientare tutte le trattative di mercato del Milan che, ovviamente, senza i soldi provenienti dalla Cina sarà ancora una volta fortemente ristretto.
  •   
  •  
  •  
  •