Sampdoria-Inter: per Icardi “fischio selvaggio” e per Eder?

Pubblicato il autore: marco benvenuto Segui

icardi eder

Una partita di calcio è un po’ come una matrioska, Sampdoria-Inter ne contiene un’altra e poi un’altra ancora. Nelle rughe della gara che andrà scena al Ferraris genovese domenica , c’è anche la storia del ritorno di due nerazzurri che il blucerchiato lo hanno vestito eccome.
Maurito Icardi e “Cittadino” Eder Martins, la storia doriana l’hanno attraversata senza essere di passaggio: Sampdoria-Inter la vivranno in modi diversi.
Con Icardi, una trentina di gare, 11 reti ed un genio spolverato a tratti, i conti con la tifoseria doriana sono già chiusi da tempo. Chiusi in entrambi i sensi, con l’argentino mani alle orecchie sotto la gradinata per sentirne l’ululato feroce dopo averla ferita con l’unica cosa che sembra davvero fare bene: il gol. “Li ho ho fatti incazzare” ha scritto poi sulla sua velenosissima biografia, dove un capitolo è tutto dedicato all’ avventura in quella Sampdoria che lui aveva cercato su Google per sapere che razza di squadra fosse.
Sampdoria-Inter per Eder… Sicuramente, i sentimenti saranno differenti. Per lui parlano 135 partite con la maglia della Samp e una cinquantina di reti dedicate alla causa. I tifosi lo amavano quando conquistava la maglia azzurra con quella blucerchiata e in pochi compresero il suo abbandonare a gennaio la nave  quando il vascello poteva naufragare.
La storia degli ex in casa blucerchiata non è mai facile e in pochi si sono salvati: per un Nicola Pozzi amato visceralmente, c’è uno scudettato Pagliuca che in una notte ricevette rubinetti ed arance al suo ritorno a Genova con la maglia del Bologna. Di Eder ha parlato, di recente, il presidente Ferrero. Lo ha fatto in modo duro raccontando di come il giocatore, in pratica, lo avesse supplicato di lasciare la Sampdoria per raggiungere Roberto Mancini all’ Inter. Altro ex variamente amato il Mancio, che poi lo avrebbe utilizzato a spizzichi e e bocconi.
Sampdoria-Inter, sarà anche questo…Se per Icardi sarà lotta dura, può darsi che per Eder valga il refrain di una vecchia canzone di De André: “E’ stato meglio lasciarsi che non essersi mai incontrati”.

  •   
  •  
  •  
  •