Gattuso pensa ad Antonelli per la Lazio: tabù grandi da sfatare per il Milan

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
gattuso

Gattuso pensa ad Antonelli per la Lazio

Gattuso, novità sulla sinistra con la Lazio? Domenica alle 18 a San Siro arriva la lanciatissima Lazio di Simone Inzaghi. Per il Milan di Gattuso un esame durissimo, dopo le buone indicazioni degli ultimi tempi. A Milanello si lavora sodo in vista di questo appuntamento. Il tecnico rossonero confermerà a grandi linee la squadra che ha vinto a Cagliari. Una sola novità obbligatoria, sulla fascia sinistra c’è da sostituire lo squalificato Ricardo Rodriguez. Nei giorni scorsi era stato provato Abate sulla destra, con Calabria dirottato sulla fascia sinistra. Novità invece nell’allenamento di oggi, con Luca Antonelli provato titolare. L’ex Genoa sembra sul piede di partenza, su di lui c’è infatti l’interesse della Fiorentina di Pioli. In effetti Antonelli è l’unico mancino a disposizione di Gattuso, oltre all’appiedato Rodriguez.

Antonelli ha giocato molto poco in stagione. Il classe ’87 ha totalizzato solo 3 presenze in campionato. Poco o nulla è cambiato da Montella a Gattuso per il figlio dell’ex bomber rossonero Roberto “Dustin” Antonelli. Ma domenica potrebbe arrivare un’importante chance per lui, proprio nel big match contro la Lazio. Questa partita darà il via ad un ciclo fondamentale per il Milan. Tre giorni dopo sarà ancora la Lazio l’avversario nella semifinale d’andata di Coppa Italia. A settembre l’1-4 subito contro Immobile e compagni segnò l’inizio della fine dell’era Montella. Ora contro la terza forza del campionato Gattuso vuole spezzare l’incantesimo che accompagna i rossoneri da inizio stagione: zero punti contro le attuali prime sei del campionato.

Gattuso contro il tabù, la Lazio occasione della vera svolta rossonera

Zero punti contro le prime sei della classifica, questo il triste bilancio contro le big di A del Milan. Sconfitte, solo sconfitte contro Napoli, Juventus, Lazio, Inter, Roma e Sampdoria. 4 gol fatti e 15 subiti, un rendimento da retrocessione. L’unico successo contro una di queste squadre è arrivato proprio sotto la gestione Gattuso, 1-0 all’Inter in Coppa Italia. In campionato però la casella dei punti realizzati contro le squadre avanti al diavolo in classifica è ancora ferma allo zero.

Una tendenza sempre più comune alle ultime stagioni del Milan. Dalla stagione 2013/2014, la prima senza Coppe Europee, sono stati in tutto 48 i punti conquistati sui 180 disponibili nei match giocati contro le squadra che precedevano i rossoneri in classifica. Poco più del 25%, una percentuale che fa capire quanto siano state deludenti le ultime stagioni milaniste. Una piccola inversione di tendenza c’è stata nello scorso campionato, quando gli uomini di Montella hanno conquistato 9 punti nelle 10 partite giocate con le prime cinque della classifica. 11 in 12 partite se si aggiungono i due pareggi nei derby con l‘Inter. Numeri che devono assolutamente subire un’inversione di tendenza. Gattuso proverà a cambiare rotta già contro la Lazio. Non sarà per nulla facile. I biancocelesti hanno il miglior attacco della Serie A e in questo momento sono la squadra più in forma del campionato. Un’occasione buona per capire se Bonucci e compagni si sono messi alle spalle i fantasmi del 2017. Il 2018 ha visto il Milan vincere contro Crotone e Cagliari, ma sarà contro la Lazio che si avrà il vero polso del malato rossonero.

  •   
  •  
  •  
  •