Juventus-Genoa, Pistocchi posta su Twitter il voto insufficiente dell’arbitro citando la Gazzetta. Il giornale smentisce

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui

Che Maurizio Pistocchi non fosse tifoso della Juventus è chiaro da tempo. Parecchie sono state le stoccate che hanno infiammato il popolo juventino, riguardanti soprattutto vicende arbitrali che sono state sottolineate pesantemente dall’opinionista ex Mediaset. Pistocchi è solito anche postare sul proprio profilo di Twitter commenti personali e poco razionali che hanno spesso avuto come oggetto di discussione la Juventus, che, secondo la sua teoria, viene spesso e volentieri favorita dalla categoria arbitrale, come avvenuto dopo il controverso match di Cagliari di due settimane. Situazioni analoghe sono capitate anche in altri contesti come quello legato al processo di Agnelli coinvolto nel bagarinaggio di biglietti a tifosi malavitosi.

Questa mattina il giornalista ha commesso una gaffe che non è passata inosservata: infatti Pistocchi ha voluto postare tramite il proprio account di Twitter la foto del voto dell’arbitro di Juventus-Genoa, ovvero Di Bello, il quale è stato protagonista di aver condotto una partita abbastanza permissiva, con qualche cartellino giallo di troppo sventolato nei confronti dei giocatori del Genoa. Il voto in questione sarebbe un 4; peccato che Pistocchi abbia citato come fonte la “Gazzetta dello Sport”, mentre la valutazione insufficiente è stata data dal giornale di Genova ovvero “Il Secolo XIX“. L’errore non è passato inosservato nemmeno dalla stessa Gazzetta, che tramite un tweet ufficiale ha voluto rettificare la gaffe commessa da Pistocchi. Per fare ulteriore chiarezza, occorre precisare che il voto reale che la “Gazzetta dello Sport” ha confermato all’arbitro Di Bello, è un 6, una sufficienza stiracchiata dato il metro di giudizio non perfetto del direttore di gara messo in atto durante Juventus-Genoa di ieri sera.

Caro @pisto_gol la preghiamo di rettificare: la pagella in questione è de @ilsecoloxix saluti https://t.co/TKzLkoOTXh

— LaGazzettadelloSport (@Gazzetta_it) 23 gennaio 2018

  •   
  •  
  •  
  •