Bernardeschi, saranno fischi in Fiorentina-Juventus:”Ci ha deluso”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
TURIN, ITALY - DECEMBER 23: Massimiliano Allegri head coach of Juventus FC looks on during the serie A match between Juventus and AS Roma at the Alliannz Stadium on December 23, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Bernardeschi, il Franchi non lo accoglierà bene. Non andrà a finire come la parabola del figliol prodigo, questo è poco, ma sicuro. Venerdì sera Federico Bernardeschi farà il suo primo ritorno da ex a Firenze, per di più con la maglia dell’odiata Juventus. “Brunelleschi”, come lo chiamavano in viola, è stato uno dei tanti giocatori a lasciare la Fiorentina la scorsa estate. Il suo però è stato l’addio che ha fatto più male ai tifosi viola. “Ci piaceva la sua faccia pulita e il suo modo di giocare a calcio, ci ha profondamente deluso”, commenti del genere si leggono sui social. Bernardeschi molto probabilmente sarà titolare nell’anticipo della 24esima giornata di serie A. L’ex viola è in grande crescita e Allegri vorrà preservare l’acciaccato Douglas Costa per il Tottenham. sarà un’altra prova di maturità per il numero 33 bianconero.

Allegri, come sempre fa con i giovani, ha inserito gradualmente Bernardeschi nei meccanismi della Juventus. Bravo il talento di Carrara a farsi trovare pronto nei momenti importanti. Suo l’assist per il gol decisivo di Douglas Costa a Cagliari. Come di sua fattura il passaggio vincente che ha consentito a Khedira di sbloccare la gara con il Chievo. Bernardeschi, non al 100%, ha giocato un ottimo match anche con il Sassuolo. Ora è arrivato per lui di confrontarsi con il suo recente passato. Vedremo come andrà a finire. La mente va al primo ritorno di Roberto Baggio al Franchi con la maglia delle Juventus. Il Divin Codino non se la sentì di calciare un rigore e i bianconeri persero. Altri tempi, altri uomini, altro calcio.

Bernardeschi, l’arma segreta di Allegri

Dal primo minuto o a partita in corsa, è Federico Bernardeschi il jolly di Allegri per il finale di stagione. Quando in estate i bianconeri hanno speso 40 milioni per strapparlo alla Fiorentina, non tutti erano entusiasti del talento di Carrara. L’inizio è stato difficoltoso, tra panchina e qualche infortunio. Poi però Allegri, da saggio qual è, ha cominciato a proporre con sempre più frequenza Bernardeschi. Da un mese a questa parte è diventato l’uomo in più della Juventus. Se l’assenza di Dybala si sta sentendo meno del previsto molto del merito va proprio a Bernardeschi. L’ex viola è bravissimo a farsi trovare pronto, anche a partita in corso. Negli ultimi tempi, vedi Cagliari e Chievo, è stato spesso decisivo per sbloccare le partite più ostiche.

Anche con il ritorno di Douglas Costa e Dybala, Allegri sa che può contare su un’arma molto importante. Proprio Bernardeschi sarà uno dei giocatori che serviranno a Di Biagio per cominciare l’opera di ricostruzione della Nazionale. Il talento di Carrara era in campo negli ultimi minuti contro la Svezia, fuori ruolo come altri suoi compagni. Di Biagio sembra stia pensando al 4-3-3, modulo attuale della Juventus. Uno schema che esalta la tecnica e la fantasia di Bernardeschi. La nuova Italia ha bisogno di questo, di gente che sappia giocare al pallone e perché no a anche di belle facce. Un volto che a Firenze avevano imparato ad amare. Ora lo amano a Torino, Allegri ha la sua arma letale per il duello scudetto con il Napoli. Federico da Carrara, tocca a te.

  •   
  •  
  •  
  •