Biglietti Milan-Inter, la rabbia dei tifosi:”Prezzi alti, neanche ci fossero Messi e Cr7″

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Biglietti Milan-Inter, polemica social dei tifosi. Manca meno di un mese al derby di ritorno tra rossoneri e nerazzurri. Il prossimo 4 marzo, in posticipo, Gattuso e Spalletti si giocheranno l’ultima stracittadina della stagione. Ieri sono stati pubblicati i prezzi per l’atteso match. Cari, troppo cari. Basti pensare che un terzo anello, in piccionaia praticamente, costa 55 euro.  Il primo anello, un’ottima posizione per gustarsi la partita delle partite, costa 100 euro o 140, a seconda del posto scelto. Troppo, a giudicare dai prezzi per le partite non di cartello. Basti pensare che per la sfida contro la Samp, il terzo anello verde costa 20 euro. “Manco giocassero Messi e Cristiano Ronaldo”, questo il commento più frequente tra le tifoserie sui social. Una scelta discutibile da parte del Milan, che ha bisogno come il pane del sostegno dei suoi tifosi. La squadra di Gattuso ha ritrovato un minimo di entusiasmo, confermato dagli oltre 50 mila spettatori presenti con la Lazio.

Leggi anche:  Dove vedere Genoa Parma streaming e diretta Tv Serie A

Biglietti Milan-Inter, come l’anno scorso. Nella passata stagione il derby di ritorno aveva scatenato l’ira dei tifosi per l’orario di disputa del match. Per la prima volta la stracittadina milanese fu giocata alle 12:30. Quella è stata la prima volta delle due proprietà cinesi a confronto. Lo stadio fu ugualmente pieno, anche perché era la vigilia di Pasqua. Il match finì per 2-2, con il pareggio di Zapata in extremis per i rossoneri. Il Milan a oggi è fuori dall’Europa League. Dopo mesi deludenti i rossoneri stanno lentamente risalendo la china. Piazzare questi cifre esorbitanti per un derby, non sembra la miglior mossa possibile. Davvero no.

Chi vi scrive ha assistito ad un derby decisivo per lo scudetto. Aprile 2011, 3-0 per il Milan con doppietta di Pato e gol di Cassano. Il terzo anello costava 17 euro e gli interpreti in campo erano decisamente di un altro livello rispetto a oggi. Tanto per capirci in campo c’era gente come: Nesta, Thiago Silva, Zambrotta, Robinho, Maicon, Cambiasso, Milito, Eto’o. Fatevi una domanda e datevi una risposta.

Leggi anche:  Dybala si tuffa e cerca il rigore in Benevento-Juventus? La dura reazione di Ziliani su Twitter

Biglietti Milan-Inter, così non si aiuta la gente

Biglietti Milan-Inter, prezzi che scoraggiano. Pensando ai tempi attuali un padre di famiglia può spendere tra i 200 e i 300 euro per una partita di calcio? Rossoneri e nerazzurri non si giocheranno lo scudetto, neanche la Champions League. Molto probabilmente si giocheranno la supremazia cittadina, visto che hanno vinto un derby ciascuno in stagione. Tutto questo non giustifica la follia di questi prezzi. E’ vero molti tifosi rossoneri hanno dato fiducia al nuovo corso sottoscrivendo l’abbonamento a inizio stagione. Nonostante si giochi in giorni e orari non proprio consoni. Ora che la squadra sta ritrovandosi che senso ha piazzare un listino prezzi da Santiago Bernabeu o Old Trafford?

Lo stadio sarà sicuramente pieno e ci sarà un incasso record? Però San Siro mancherà magari di tanta gente affezionata che non può permettersi di pagare simili prezzi. Ci saranno magari stranieri in visita. Appassionati sì, ma non innamorati. Fassone e Mirabelli pensino bene a quello che fanno. A oggi non stanno rispettando gli obiettivi di inizio stagione, poi a fine stagione tireremo le somme. Intanto via alla rottura dei salvadanai, il derby si avvicina sempre più.

  •   
  •  
  •  
  •