Ghoulam-Milik, Sarri aspetta i “nuovi acquisti”. Intanto si fermano Mertens e Callejon

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
during the TIM Cup match between SSC Napoli and Udinese Calcio at Stadio San Paolo on December 19, 2017 in Naples, Italy.

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Ghoulam-Milik, Sarri aspetta i rinforzi. Sono assenti da tanto, troppo tempo. Un terzino d’assalto e l’ariete che possono dare una grande mano nel duello scudetto con la Juventus. La Gazzetta dello Sport, nella sua edizione odierna, fa il punto anche sugli infortuni di Faouzi Ghoulam ed Arkadiusz Milik, parlando chiaramente dei possibili rientri: “La data che Ghoulam e Milik hanno cerchiato sul calendario è quella del 22 febbraio”. Nessun ritardo sulle rispettive tabelle di marcia, anzi Ghoulam è addirittura in anticipo rispetto ai tempi di rientro stimati, ma un pizzico di cautela in più soprattutto per Milik, che al momento è in leggero ritardo rispetto al suo collega. Il ginocchio destro del polacco non è ancora al pari di quello sinistro. Comunque, già è in gruppo per quanto concerne la tattica ed anche il lavoro con il pallone, comprese le esercitazioni uno contro uno. L’algerino è più avanti rispetto all’olandese. Nonostante si sia fermato un mese più tardi l’ex Saint-Etienne ha già disputato qualche partitina con i compagni, segno che il rientro è davvero vicino. Prudenza, come minimo, per Milik. L’attaccante polacco che è reduce da un grave, doppio infortunio, alle ginocchia. L’ex Ajax è impaziente di dare una mano ai compagni. Il suo ritorno sarà molto importante per dare un po’ di riposo a Mertens. Il belga sta recuperando dall’infortunio patito contro il Benevento. Crescono le sue possibilità di vederlo in campo sabato al San Paolo contro la Lazio. “Poi se qualcuno avrà bisogno di riposo lo faremo rifiatare con il Lipsia”, così Maurizio Sarri nell’immediato dopo partita con il Benevento. Parole che chiariscono, ancora una volta, quale sia l’obiettivo stagione del Napoli. Tutto tricolore.

Leggi anche:  Paolo Ziliani bacchetta Antonio Conte: "E' lo stesso Conte che nella Juventus".....

Intanto Dries Mertens non si è allenato oggi con i compagni di squadra ed ha svolto una seduta differenziata. L’attaccante belga soffre per una distorsione di primo grado alla caviglia e oggi non ha partecipato alla normale seduta alla ripresa degli allenamenti. Le sue condizioni verranno valutate nei prossimi gironi in avvicinamento alla partita di sabato sera contro la Lazio al San Paolo. Oltre a Mertens, anche Callejon e Albiol hanno svolto allenamento differenziato.

Ghoulam-Milik, ossigeno per Sarri

La Juventus ha i ricambi all’altezza, il Napoli no. Questo il mantra che si sente ripetere ogni anno alla vigilia dello sprint finale del campionato. Sarri aveva cominciato la stagione ruotando maggiormente i suoi giocatori, ma poi gli stop di Ghoulam e Milik hanno complicato i piani del tecnico azzurro. Da ottobre, in pratica, giocano sempre gli stessi. La formazione del Napoli è una filastrocca che tutti abbiamo imparato a memoria. Il mercato di gennaio non ha portato nessun nuovo innesto. Anzi, sono partiti Giaccherini e Maksimovic. Due giocatori in cerca di maggior spazio con Chievo e Spartak Mosca.

Leggi anche:  Infortunio Belotti, il Torino pronto a recuperare il Gallo: salterà la Coppa Italia, ma ci sarà con la Sampdoria

Il Napoli ha dei buoni ricambi, ma non come la Juventus. Se pensiamo che i bianconeri, da un mese, giocano senza Dybala ma riescono comunque a riuscire a vincere. Cosa succederebbe agli azzurri se giocassero per qualche partita senza Insigne o Mertens? Sarri spera di non saperlo mai. Anche perché stanno arrivano i nostri. Ghoulam e Miliki sono quasi pronti al rientro. I due non potevano scegliere momento migliore per riassaggiare il campo. Ci apprestiamo a vivere una settimana molto importante. Il Napoli avrà Lazio-Lipsia-Spal, mentre la Juventus dovrà vedersela con Fiorentina-Tottenham-Torino. Da sottolineare che gli azzurri giocheranno i due impegni di campionato al San Paolo, i bianconeri in trasferta. Più che giocare prima o dopo sarò importante, anzi fondamentale, vincere per entrambe. Sarri-Allegri affilano le armi, lo sprint scudetto è partito.

  •   
  •  
  •  
  •